Metodo Mézières

Metodo Mézières

Metodo Mézières: benefici, in cosa consiste, costo per seduta e quando è indicatoOpinioni, consigli e fisioterapia alternativa.

Si parla di approccio Mézierista e mira a “normalizzare” (da un punto di vista anatomico) la struttura corporea sfruttando un lavoro muscolare.

Françoise Mézières: fisioterapia

Se stavi cercando il Metodo Mézières su wikipedia e non hai trovato nulla, probabilmente dovrai rifare la ricerca digitando il nome della fisioterapista che lo ha inventato: Françoise Mézières (1909 – 1991).

Il metodo Mézières è nato in Francia, quando nell’ambulatorio di Françoise Mézières si presento una donna alla quale avevano fatto indossare un busto per curare un’importate cifosi. Applicando i principi della fisioterapia ortodossa, Françoise Mézières provò ad applicare i classici esercizi di raddrizzamento e di rinforzo della muscolatura dorsale… ma dato la rigidità muscolare, la paziente non riusciva a stare in posizione seduta. La fisioterapia, allora, continuò in posizione supina ed è in questo istante che il Metodo Mèzieres prendeva luce: le osservazioni della fisioterapiasta furono tale da mettere in discussione la fisioterapia ortodossa.

Françoise Mezieres notò che i tanti muscoli dorsali si comportavano come un solo muscolo e, ogni azione localizzata (di accorciamento o allungamento) provocava istantaneamente un accorciamento dell’insieme della muscolatura.

Da quella prima esperienza, Françoise Mazieres ha evidenziato, nell’anatomia muscolare, 4 diverse catene:

  • Catena posteriore
  • Catena antero-iteriore
  • Catena brachiale anteriore
  • Catena anteriore del collo

Queste quattro catene muscolari, “a freddo” potrebbero non dirti nulla ma sono la causa di tutti i dimorfismi perché entrando in costante “retrazione” ed essendo sempre ipertoniche, causano:

  • Scoliosi
  • Dorso curvo
  • Ernie discali
  • Gambe vare (con ginocchio ruotato verso l’esterno)
  • Gambe valghe (con ginocchio ruotato verso l’interno)
  • Alluce valgo
  • Lordosi

E tutte le conseguenze associate a queste condizioni come sciatalgia, cervicalgia, periartriti, asimmetria del bacino, infiammazioni articolari….

Metodo Mézières: come funziona

Il metodo Mezieres nasce per correggere tutti dimorfismi citati in precedenza.

Come funziona il metodo Mezieres? Molto “banalmente” attraverso esercizi che mirano all’allungamento delle catene muscolari così da recuperare la funzione di ciascuna articolazione.

L’allungamento e la diminuzione della condizione ipertonica dei muscoli (allentamento delle tensioni muscolari) sono alla base del metodo Mezieres.

Durante una seduta di fisioterapia con metodo Mezieres, il paziente viene messo in una posizione di stiramento globale e si esercita una continua trazione alle estremità delle catene muscolari: in questi esercizi l’operatore dovrà stare attento a limitare le compensazioni (cioè quegli adattamenti chiamati “imbrogli”).

Per esempio, se hai un problema di cifosi, durante un esercizio di fisioterapia con metodo Mezieres, l’operatore ti farà stendere su un tappetino e proverà ad “allargarti le spalle” e distendere la schiena. Per compensazione il tuo collo tenderà a spingersi verso il dorso, quindi anche se il problema iniziare era localizzato sul dorso della colonna vertebrale, l’area di intervento si amplierà alla zona cervicale e finanche sugli arti inferiori.

Il metodo Mezieres è descritto come metodo di rieducazione posturale globale proprio perché agisce sulle quattro catene muscolari coinvolte in toto nella nostra anatomia.

E’ indicato non solo in caso di dimorfismi anatomici ma anche a chi inizia a risentirne di uno stile di vita sedentario con troppo ore passate alla scrivania.

Metodo Mézières: esperienze e opinioni

Leggendo le opinioni nei vari forum, spesso riscontro un malcontento e pazienti che riferiscono una mancata efficacia del metodo Mèzieères. In antitesi con quanto appena esposto posso riportare la mia esperienza personale positiva ma voglio sottolineare che ogni condizione anatomica è un discorso a sé così come diverse sono le esperienze e le capacità dell’operatore che hai di fronte e che ti assiste nell’applicazione di tale metodo. Quindi, sì… è bene cercare esperienze e opinioni ma è altrettanto giusto “prenderle con le pinzette” perché le variabili sono tantissime e tu potresti vivere un’esperienza diametralmente opposta a ciò che hai riscontrato nei forum!

Il problema del metodo Mèzieres è la costanza: secondo la mia esperienza non bisognerebbe concentrare gli esercizi in un’unica seduta, il paziente dovrebbe continuare anche a casa, ogni volta che ne ha la possibilità oppure semplicemente quando si mette a letto. Se il paziente non cerca continuamente di distendere e allungare le catene muscolari, un paio di sedute a settimana (in caso di dimorfismi) non credo che sarebbero efficaci.

Un altro fattore che a parer mio potrebbe rendere inefficace il metodo Mèzieres (ma anche qualsiasi fisioterapia che mira a una rieducazione posturale) è il perpetuarsi di quelle condotte che tendono a cronicizzare le tensioni muscolari. Quindi per rendere efficace il metodo Mezieres sarebbe opportuno usare sedie ergonomiche sul posto di lavoro e soprattutto un cuscino cervicale (leggi “cervicale, rimedi naturali) e un materasso ortopedico. Questi supporti presuppongono una spesa che esula dal costo per le seduta… tuttavia si tratta di supporti necessari per cercare di recuperare una struttura anatomia consona.

Il costo di ogni seduta può oscillare di molto da centro a centro, da operato a operatore. Il metodo Mezieres non prevede l’uso di particolari strumenti, quindi il costo è a discrezione del professionista che esercita.

Pubblicato da Anna De Simone il 14 luglio 2018