Cane Maltese: carattere e prezzo

maltese a pelo corto2

Il cane Maltese è un ottimo cane da compagnia, perché gruppo 9 della classificazione ufficiale, ma lo è anche nei fatti. E’ leale e intelligente, giocherellone ma ubbidiente. Si sbaglia però, chi lo crede, così carino, un cane da appartamento. Lo è in parte, a patto che lo si porti spesso, una volta al giorno, a correre, giocare e sfogarsi all’aria aperta. Altrimenti un animo come quello del cane maltese può soffrire.



Già, forse, soffre un po’di questo nome, maltese, che lo collega alla certo rispettata isola di Malta, che però non è la sua terra d’origine. Il maltese a pelo corto o a pelo lungo (non si tratta di razze diverse ma l’aspetto dipende solo da come viene tagliato il pelo!) ha origini italiane, alcuni pensano derivi dalla provincia di Melita che si trova in Sicilia, anche se è vero che anticamente a Malta si allevavano cani molto simili ai piccoli maltesi di oggi.

Cane Maltese: origine

Il maltese nasce come cane per cacciare via i piccoli roditori dai magazzini e dalle navi mercantili, ed è così che lo si trova imbarcato con i commercianti a solcare il Mediterraneo, proprio loro sono quelli che ne avvantaggiarono la diffusione. E’ stato il cane del governatore romano dell’isola di Malta, Publio, il maltese, già ritratto nel I secolo d.C, e prima ancora, non in Italia, ma in Grecia nel V sec. a.C.

Maltese: origine

Nelle case degli antichi romani spopolava, come animale da compagnia, ed era nelle grazie e nelle case delle donne patrizie, ai tempi, per la sua bellezza e per la sua estrema intelligenza. Qualche anno più tardi sempre lui, il cane maltese, è diventato il miglior amico a 4 zampe di moltissimi personaggi storici tra cui perfino Giuseppe Verdi e tanti altri.

Maltese: dimensioni

Il maltese è un cane di taglia piccola ed esiste solo così, “taglia unica” come certe magliette. “Da grande” raggiunge il 4-5 Kg, come altezza i maschi sfoggiano al massimo un paio di cm in più ma siamo tra i 20 e i 23 cm. Nonostante l’effetto soffice e voluminoso del mantello, che si crea anche se il pelo del maltese viene tagliato corto, si tratta di un cane snello, con una ossatura abbastanza solida e una buona muscolatura.

Maltese: dimensioni

Cane Maltese: carattere

Il pelo morbido a pon pon non fa che aggiungere un tocco paffuto e simpatico a questo cane già amatissimo, anche per il suo lato giocherellone, bonaccione. Un po’ è dovuto anche al tartufo del cane maltese, nero e voluminoso, in contrasto con la pelle ben aderente in tutto il corpo e pigmentata da chiazze scure, non molto desiderate. Sì, perché il colore del maltese è bianco. Un bianco uniforme.

Come accennato e come forse per molti noto, il maltese è molto attivo e le sue 4 zampe deve continuare a muoverle, possibilmente all’aperto. Non è male come cane da caccia ma la sua indole, anche ufficialmente, è quella del cane da compagnia, anche se non va affatto concepito come cane da appartamento. No, proprio no, perché il maltese, sopratutto se sano e giovane, ha un grande e continuo bisogno di correre, di giocare, di rincorrere una pallina, lanciata ad arte, o di scorrazzare nel parco.

Maltese: dimensioni

Bianco come è, si macchia molto, e poi va pulito e spazzolato, ma tenere in casa un maltese non ha effetti positivi sul suo carattere. E il buonumore, se invece è libero, lo contraddistingue 9 casi su 10. Il padrone di un maltese, quindi, si deve armare di pazienza, nel portarlo in giro e dedicargli tempo. E deve armarsi anche di giochini e giochetti, corde e pupazzi, palline varie, con cui tenerlo impegnato. E’ un po’ un eterno bambino e con lo stesso entusiasmo il maltese resta fortemente affezionato al proprio padrone e alla sua famiglia.

Il maltese è infatti un cane molto docile e fedele, cerca sempre di stare vicino al proprio padrone e di fargli sentire la sua vicinanza: sono due aspetti diversi, che in questo cane convivono anche con una spiccata intelligenza e con una evidente capacità di apprendere.

maltese a pelo corto9

Cane Maltese : allevamenti

Unendo le sue caratteristiche fisiche e quelle psicologiche e attitudinali, si può dire che il maltese è un ottimo cane per l’agility dog. E’ anche un buon soggetto per gare di bellezza ma il tal caso il suo padrone deve pensarci bene prima di entrare in questo mondo: poi è impegnativo seguirlo, tenerlo “in un certo modo” e stargli dietro.

A meno che non vogliate mister o miss maltese italiano in famiglia, un cane di questa razza con pedigree può costare circa un migliaio di euro. Poi dipende dalla sua genealogia, come per tutte le altre razze, però, vale che non si consiglia di prendere un  cane senza pedegree indicato. Non per avere il super VIP al guinzaglio, ma sopratutto per motivi di salute.

Maltese: allevamenti

Fatto l’investimento il maltese va curato assiduamente, e il suo colore candido, inutile dirlo, tende a sporcarsi e a rovinarsi con grande facilità. Il maltese però, non effettua una totale muta del pelo in primavera o in autunno, quindi difficilmente si avranno problemi di pelo svolazzante per casa, tra tappeti, divani, corridoi. La pulizia è importante, sopratutto se entra ed esce di casa, per giocare, come desidera, ma il classico bagnetto lo fa solo  in caso di necessità. Certo con uno straccio o una spugnetta, è bene pulire i baffi e il muso, quando mangia, e il pelo attorno agli occhi, a volte segnato dalla lacrimazione.

Cane Maltese: alimentazione

Il maltese è un cane che tende a ingrassare facilmente. E’ vero che si muove molto, ma è meglio badare alle dosi di cibo che gli si danno, Se passa tanto tempo a correre e giocare, la classica “crocchetta di premio” ci può stare, altrimenti se poltrisce in casa, assolutamente niente fuori pasto. Rigidi, ma per il suo bene: solo due pasti quotidiani, se con cibo secco, di circa 80-120 g in totale. In generale al maltese sono necessarie le proteine, le si può mescolare “in casa” con poca verdura e con dei cereali, ad esempio con del riso bollito. Anche le vitamine e i grassi non devono mancare, per mantenere il mantello pulito e sano.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 3 settembre 2018