Lapislazzuli, proprietà e significato

lapislazzuli proprietà significato chakra

Lapislazzuli, proprietà e significato di questa pietra preziosa. Formula chimica, composizione e tante informazioni utili.

Lapislazzuli, formula chimica

Iniziamo con un po’ di chimica così da descrivere cosa sono queste “pietre preziose”. La formula chimica generica è questa:

(NaCa)8[SO4/S/Cl)2/(AlSiO4)6] + Fe

E’ dalla sua formula chimica che si evince la composizione di questa pietra preziosa. Il lapislazzuli è costituito da un’elevata concentrazione di lazurite associata ad altri minerali come calcite e inclusioni di pirite.

Per la sua formula chimica, molti indicano la lazurite proprio come una varietà di lapislazzuli ma in realtà la lazurite è il componente principale dei lapislazzuli e ha formula chimica:

Na3Ca(Al3Si3O12)S

Non è facile affermare a quanto possa ammontare il costo per grammo o per kg di lapislazzuli. Il valore economico del lapislazzuli, infatti, è determinato da vari fattori:

  • eventuali lavorazioni
  • grado di lucidatura raggiungibile
  • intensità di colore

Quando la pirite eccede, il lapislazzuli ha un costo inferiore. I composti più chiari sono quelli di minor pregio. Generalizzando possiamo dire che il lapislazzuli quanto più blu intenso e uniforme sia, tanto più è elevato il suo valore economico. Sempre generalizzando, possiamo dire che il costo per un kg di lapislazzuli si aggira poco sopra i 100 euro.

Lapislazzuli e cristalloterapia

La cristalloterapia è una pratica di medicina alternativa che sfrutta le presunte proprietà dei minerali.

Ho usato il termine presunte non di certo per sminuire tale pratica, solo perché a oggi non esistono prove scientifiche valide attestanti le proprietà e i benefici esercitati dai cristalli sulla salute psichica o fisica dell’uomo.

I cristalli, infatti, dovrebbero riportare equilibrio e armonia fisica, emotiva e mentale.

Il lapislazzuli nel Buddismo è considerato uno dei sette tesori e simboleggia la coscienza di sé.

Lapislazzuli e chakra

Quinto chakra Vishudda (“Gola”).
Il lapislazzuli è considerato una pietra spiriturale, in grado di amplificare ed esaltare intuito e capacità psichiche, anche di chiaroveggenza.

Trattandosi di una pietra di natura spirituale, vibra bene con il quinto chakra. Migliora la creatività, genera chiarezza e visione d’insieme, migliora l’empatia, la profondità di pensiero e l’intuito.

Il suo significato è la trasparenza: il lapislazzuli è un cristallo collegato alla verità perché consente di parlare senza tradire la vera natura del proprio cuore.

Lapislazzuli, proprietà e significato

La natura spirituale di  questa pietra la rende perfetta per chi vuole accrescere la proprio autoconsapevolezza. Aiuta a sviluppare una profonda fede, grande convinzione e fiducia in sé.

Può essere un dono gradito per chi deve prendere un’importante decisione. Il significato del lapislazzuli sta anche nell’illuminazione: è definita la pietra dell’illuminazione perché renderebbe possibile una comprensione istantanea del mondo spirituale e del proprio cammino.

Per il suo colore blu intenso, il lapislazzuli è correlato all’elemento acqua. E’ legato alla sfera delle emozioni e della femminilità.

E’ portatore di riconciliazione, amore, compassione, guarigione, intuizioni ed empatia.

Per quanto riguarda le proprietà benefiche legate al piano fisico, il lapislazzuli è collegato al benessere della tiroide, della gola, del sistema immunitario, del sistema nervoso e di quello respiratorio.

Proprio come l’ametista, anche indossare il lapislazzuli manterrebbe lontane fastidiose emicranie legate allo stress e ai pesi emotivi.

In India il lapislazzuli è noto per il potere di migliorare la vista, e non solo il terzo occhio della sfera spirituale.

Chakra Vishudda

Per sfruttare al meglio le proprietà del lapislazzuli la sua forma migliore dovrebbe essere quella di un cerchio.

Il cerchio sta a simboleggiare il chakra della gola rappresenta il luogo del vuoto e del silenzio che occorre attraversare per poter raggiungere la conoscenza. Il lapislazzuli può condurre in questo cammino di autoconsapevolezza primordiale consentendo il risveglio attraverso le vibrazioni prodotte.

Le stesse vibrazioni riuscirebbero a proteggere da collere, arrabbiature e decisioni precipitose.

In commercio non sono rari ciondoli, orecchini o altri monili realizzati in lapislazzuli. L’ideale sarebbe l’acquisto di un monile da tenere vicino alla gola.

Al momento della scelta, gli esperti di cristalloterapia consigliano di prendere un lapislazzuli levigato dalla forma che possa ricordare quella di un cerchio in riferimento al chakra della gola.

Tra i vari prodotti presenti in commercio, per il suo triplice cerchio, segnalo il pendente portafortuna in lapislazzuli proposto su Amazon al prezzo di 25,99 euro e spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni sul monile appena citato vi rimando alla pagina: pendente portafortuna HisingFu.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 14 luglio 2017