Inseguitore solare monoassiale

inseguitore solare monoassiale

Inseguitore solare monoassiale: schema di funzionamento, tipologie, costo e tutte le informazioni utili prima dell’acquisto. Dall’inseguitore solare fai da te ai prodotti di ultima generazione presenti sul mercato.


A cosa serve un inseguitore solare?
L’inseguitore solare orienta i pannelli fotovoltaici posizionandoli sempre nella direzione migliore per assorbire più radiazione luminosa possibile. Un inseguitore solare può offrire un aumento di resa dell’impianto fotovoltaico di oltre il 40%. Esistono inseguitori solari monoassiali e biassiali. I biassiali sono quelli che rendono di più ma sono caratterizzati da più alti costi d’acquisto, gli inseguitori monoassiali sono più economici ma in questo caso la resa si spinge solo raramente oltre il 25% rispetto ai pannelli solari fissi.

Tipi di inseguitori solari monoassiali

Gli inseguitori solari monoassiali, in particolare, inseguono le radiazioni luminose ruotando intorno a un unico asse e, in base all’orientamento dell’asse, si possono classificare in diverse categorie, abbiamo così:

  • – Inseguitore solare monoassiale di tilt
    Sono chiamati anche inseguitori di bloccaggio. Ruotano intorno all’asse est-ovest, cioè coprono l’angolo di tilt. Questo angolo varia in base alle ore della giornata e in base alle stagioni. Questo inseguitore copre le radiazioni solari inseguendo l’altezza del sole nel cielo. La variazione dell’angolo viene eseguita manualmente due volte all’anno.
  • – Inseguitore solare monoassiale di rollio 
    Segue il sole durante il suo percorso nella volta celeste ma solo nelle ore centrali della giornata. E’ dotato di sovrameccanismi e per evitare i periodi di ombra, inverte il movimento della struttura nelle ore dell’alba e del tramonto.
  • – Inseguitore solare monoassiale di azimut 
    Il meccanismo è molto semplice in quanto i pannelli ruotano intorno a un asse verticale collocato perpendicolarmente al suolo su cui è installato l’impianto. In questo caso varia l’asse del pannello solare ma non l’inclinazione dello stesso.
  • – Inseguitore solare monoassiale a asse polare 
    Come suggerisce il nome, questo inseguitore solare monoassiale segue le radiazioni luminose ruotando intorno all’asse parallelo all’asse di rotazione terrestre nord-sud (asse polare).

Inseguitore solare monoassiale, vantaggi

Conviene scegliere un inseguitore solare monoassiale? Tutto dipende dal tipo di impianto e soprattutto dalla sua collocazione. Tra i vantaggi degli inseguitori solari monoassile figura il basso costo di produzione e di installazione (quindi si tratta di inseguitori solari economici ma più adatti ai grandi parchi fotovoltaici). Il più economico, caratterizzato da un basso costo d’acquisto, è l’inseguitore solare di rollio.

Gli inseguitori solari monoassiali di azumut sono consigliati per le elevate latitudini, dove il sole non raggiunge mai elevate altezze nella volta celeste.  Gli inseguitori solari di tilt sono quelli con costi più contenuti sul mercato e ulteriore vantaggio sta nella mancanza di movimenti meccanici e quindi più bassi costi di manutenzione.

Il migliore inseguitore solare monoassiale è quello ad asse polare: è più efficiente e quindi maggiormente produttivo. Questo inseguitore solare ad asse polare, però, ha un difetto: strutturalmente è soggetto a elevata manutenzione soprattutto nelle zone in cui c’è vento dove non funziona a pieno regime.

Tra gli ultimi prodotti di mercato segnaliamo l’inseguitore monoassiale TRJ un sistema in grado di movimentare i pannelli solari in base alla posizione del sole che consente una resa del 25% superiore a quella dei pannelli fissi. Questo inseguitore solare monoassiale di ultima generazione, è munito di un sistema GPS in grado di determinare l’inclinazione ottimale del pannello. Tra i suoi vantaggi, segnaliamo che si tratta di un sistema a bassa manutenzione e grazie a un supporto in acciaio può essere installato saldamente anche sui terreni più difficili e su piani inclinati. Con il prossimo aggiornamento (previsto per il 2017), l’inseguitore solare monoassiale TRJ sarà inoltre dotato dell’alimentazione e sistema di supervisione wireless (senza fili). Tale tecnologia è attualmente usata nei grandi parchi solari degli USA e dell’America Latina, in particolare in Cile e in Brasile.

Inseguitore solare fai da te: schema e istruzioni

Per lo schema di funzionamento e le istruzioni per costruire un inseguitore solare monoassiale fai da te, vi invitiamo a visitare il sito web dell’ingegnere Giorgio De Murtas, alla pagina dedicata allo schema elettronico di controllo dell’inseguitore solare fai da te.

Pubblicato da Anna De Simone il 22 giugno 2016