In Europa che aria si respira?

L’Agenzia europea dell’Ambiente (AEA) ha reso noti gli ultimi dati relativi all’inquinamento atmosferico degli Stati membri. La pubblicazione fa riferimento all’anno 2011 e vediamo che sono ancora 8 gli Stati membri che hanno superato i limiti in materia di inquinamento dell’aria. Quasi un terzo degli abitanti delle città europee è esposto a concentrazioni eccessive di particolato in sospensione nell’aria (PM, le cosiddette polveri sottili). Il particolato è una delle sostanze più inquinanti e più nocive per la salute umana.

La Relazione del 2012 pubblicata dall’AEA si intitola “Qualità dell’aria in Europa” (vedi link utili) e prende in esame l’esposizione dei cittadini alle sostanze inquinanti offrendo una panoramica generale della situazione europea.

La presenza di particolato (PM) costituisce il maggio rischio per la salute dettato dall’inquinamento dell’aria. Il particolato può condurre a morte prematura. Cosa afferma il report?
Il 21 per cento della popolazione urbana è stata esposta a livelli di concentrazione PM10 superiori ai valori limite giornalieri fissati dall’UE. La percentuale sale al 30 per cento quando si analizzano le concentrazioni del particolato più fine (PM2.4). C’è da dire che i valori limite fissati dall’UE sono meno severi dei valori di riferimento fissati dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), infatti, secondo i livelli limite fissati dall’OMS, in Europa, la popolazione esposta a livelli troppo elevati di PM10 ha raggiunto l’81 per cento, mentre gli abitanti delle città che si trovano esposti a concentrazione di PM2.5 superiore ai valori di riferimento dell’OMS, arriva fino al 95 per cento! Dati decisamente allarmanti!

Il report ha analizzato altri inquinanti dell’aria come il biossido di azoto, l’ozono, il benenzo(a)pirene, biossido di zolfo, di monossido di carbonio, benzene e altri metalli pesanti. Per fortuna, in Europa la quantità di metalli pesanti nell’aria (arsenico, cadmio, nichel, piombo) è generalmente modesta ed è localizzata in aree geografiche ben definite.

Link Utili | Air quality in Europe – Report 2012

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 21 marzo 2013