Grassello di calce per intonaci naturali

grassello-di-calce-intonaco

Il grassello di calce ricavato dai ciottoli di fiume ha una tonalità non uniforme, gradevolmente vellutata, simile alle superfici antiche e allo stesso tempo permeabile al vapore, lucente e resistente nel tempo. Sempre che si tratti di grassello di calce invecchiato in modo naturale, in buche a cielo aperto, tenendo costantemente umida la superficie per prevenirne l’essiccazione, e poi stagionato almeno 24 mesi.

Un grassello di calce naturale di questo tipo è per esempio quello usato dall’azienda Harpo nella  propria gamma Sandtex di pitture, stucchi e intonaci per l’ingegneria civile, ambientale e geotecnica. Prodotti ecologici per finiture pregiate ed eco-compatibili (anche se il ciclo di produzione della calce è piuttosto energivoro) nel pieno rispetto della tradizione italiana nella costruzione degli edifici che ha sempre preferito l’intonaco a grassello di calce all’uso del sasso a vista, di tradizione anglosassone.

Il grassello di calce usato in edilizia non è altro che idrossido di calcio (detto anche calce spenta o calce idratata) in forma di cristallo incolore o polvere bianca prodotto per idratazione a secco dell’ossido di calcio (detto anche calce o calce viva). In pittura, il grassello di calce è indicato in diversi modi: bianco di calce bianca, bianco di Firenze, calce spenta e gesso di Firenze.

La linea dei prodotti a base di grassello di calce Sandtex comprende finiture che vanno dalle pitture, agli intonaci colorati, stucchi e marmorini. A seconda delle formulazioni del grassello di calce è possibile ottenere risultati diversi. Esiste per esempio lo stile ‘antiqua’ caratterizzato da superfici lisce e consistenti che esaltano il colore dell’intonaco; l’effetto ‘spatolato’ che dà luce alla parete; quello ‘epoca ottocento’ adatto agli esterni in stile rinascimentale;  l’effetto ‘marmo’ che permette di modellare la materia con il colore e infine l’effetto ‘sinopia’, rivestimento decorativo per gli interni dall’aspetto vellutato.

Il grassello di calce, la cui materia prima è costituita come detto dai ciottoli dei fiumi, è un tipo di decorazione usata fin dall’antichità. Oggi questo tipo di lavorazione è ancora disponibile grazie alla passione e alla dedizione di alcuni professionisti abili nel lavorare con processi e materiali della tradizione che, per il loro valore architettonico e ambientale (con riserve sull’impatto energetico della produzione nel caso del grassello di calce) tornano a essere straordinariamente moderni.

Ti potrebbe interessare anche Biocalce intonachino

Pubblicato da Michele Ciceri il 14 gennaio 2014