Gastronomia molecolare

cucina molecolare

Gastronomia molecolare: gli ingredienti, la storia e tutte le informazioni su questa incredibile disciplina.

Il settore più popolare dellacucina molecolaresembrerebbe essere quello dei cocktail: info su come preparare uncocktail molecolare.

Lagastronomia molecolareocucina molecolareè una disciplina che approfondisce e sfrutta le caratteristiche chimico-fisiche degli alimenti per operare unatrasformazionedegli ingredienti.

Le origini della gastronomia molecolare

Lacucina molecolareè innovativa e per le sue applicazioni sfrutta nozioni scientifiche di diverse discipline. Il terminegastronomia molecolarefu coniato dal fisicoNicholas Kurtie dal chimico Hervé This nel 1988. E’ spesso definitivagastronomia sperimentaleocucina sensoriale; in realtà, per risalire alle radici dellacucina molecolarebisogna tornare indietro nel tempo fino al diciottesimo secolo, quando i chimici iniziarono a studiare gli alimenti e a operare trasformazioni degli alimenti sfruttando nozioni chimico-fisiche.

Marie-Antoine Careme (1784 – 1833), annoverato tra gli chef francesi più famosi, è probabilmente un precursore della gastronomia molecolare. Iniziò a studiare le reazioni degli alimenti e faceva osservazioni come:il brodo deve essere potato a ebollizione molto lentamente altrimenti l’albumina coagula e si indurisce, l’acqua non ha il tempo di penetrare e insaporire la carne…parlava di reazioni chimiche e studiava la cucina come tecnica di trasformazione.

In Italia, la nascita ufficiale è legata al 1990 con il primo Atelier Internazionale di Gastronomia Molecolare che si tenne a Erice, in Sicilia, da allora con cadenza annuale.

La gastronomia molecolare oggi

Oggi, lacucina molecolarepuò contare su nozioni e attrezzature tecniche innovative. Non è considerata solo come uno strumentoculinarioma si tratta di un fenomeno sociale e artistico.

Tra le tecniche dellagastronomia molecolaresegnaliamo la cosiddettaSpherification, parola che tradotto letteralmente sta per “sferificazione” e… il significato del termine è proprio ciò che sembra: si tratta di una tecnica che rende gli ingredienti liquidi delle sfere solide. I più furbetti potrebbero pensare “che ci vuole, basta congelare il liquido in formelle solide…”, in effetti è anche questa una trasformazione ma qui il passaggio di stato non è dettato dalle temperature come avvienec on il ghiaccio.

La sferificazione è operata da reagenti chimici come la polvere di alginato di sodio, cloruro di calcio, lattato di calcio o gluconato.

Lagastronomia molecolaresi interessa praticamente di tutto. Prendiamo un semplice uovo, nella cucina classica lo si può impiegare per realizzare dolci, rustici, pasta, pastelle, gelatine…. queste applicazioni sono molto limitate se ci riferiamo allacucina molecolareanzi, possono essere considerate addirittura superficiali dato che lagastronomia molecolarestudia le proprietà dell’uovo a differenti temperature, la sua viscosità, la tensione superficiale e addirittura in che modo e quanta aria più inglobare!

Molecular mixology

Una sub-disciplina della gastronomia molecolare, molto popolare tra i giovani, è la cosiddettaMolecular mixology, una tecnica particolare applicata al campo dei cocktail che prevede di produrre deliziosi Mojito con l’impiego di provette e pipette.

Trattandosi del campo più popolare, in commercio non mancano manuali di ricette e kit di ingredienti per preparare “cocktail molecolari” e innovativi. Un Kit di mixologia molecolarecomposto da diversi reagenti (sì, nella cucina molecolarepiù che di ingredienti possiamo parlare di reagenti) quali:

  • 4 bustine di alginato di sodio
  • 4 bustine di lattato di calcio
  • 2 bustine di lecitina di sodio

Se gli ingredienti si trasformano in reagenti, i classici utensili da cucina divengono attrezzature altrettanto tecniche e addirittura da laboratorio. Il kit prevede

  • 2 pipette
  • un cucchiaio forato
  • uno stampo in silicone
  • un libretto con 3 ricette

Il kit così descritto è proposto su Amazon al prezzo di 35,90 euro con spedizione gratuita e serve a preparare dei particolarissimi cocktail mojito. Questo cocktail molecolare sarà caratterizzato da bolle che incapsulano i sapori e che li liberano esplodendo in bocca e intensificando il sapore del cocktail al quale siamo abituati. N.B. il libretto con le ricette è in inglese.

Se vi è piaciuto questo articolo sulla cucina molecolare potete seguirmi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Nella foto in alto, il cuoco da tre stelle Michelin Heston Blumenthal mentre interviene al Taste Of London Festival in ambito dellagastronomia molecolare.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 Novembre 2015