Fotovoltaico o solare termico

impianto fotovoltaico

Fotovoltaico o solare termico: differenze, incentivi e agevolazioni all’acquisto. Cosa valutare e ritorni economici in termini di risparmio energetico.

Fotovoltaico e solare termico sono due tecnologie che ci consentono di usare l’energia solare per migliorare l’efficienza energetica della nostra abitazione e risparmiare in bolletta. In che modo? Ve lo diciamo spiegandovi in parole semplici la differenza tra fotovoltaico e solare termico.

Impianto fotovoltaico

Il fotovoltaico ci consente di produrre elettricità da usare nell’immediato, immagazzinare in un accumulatore (batterie), immettere nella rete elettrica nazionale o vendere. In ambito domestico, un impianto fotovoltaico può essere agevolmente alloggiato sul tetto sia con i classici pannelli solari, sia con coperture più all’avanguardia che prendono il nome di fotovoltaico integrato.

Impianto solare termico

Il solare termico ci consente di produrre acqua calda sanitaria riducendo l’uso dello scaldabagno elettrico o della caldaia, in più il solare termico ci fa risparmiare sul riscaldamento domestico in inverno, sul raggiungimento delle alte temperature dell’acqua impiegata per la lavatrice e lavastoviglie. In più, una nuova generazione di impianti solari, ci consente di risparmiare sia sul riscaldamento invernale che sul raffrescamento estivo, in questo caso si parla di solar cooling.

Fotovoltaico, incentivi e agevolazioni

Fotovoltaico e risparmio elettricità
Sfruttando al massimo un impianto fotovoltaico ben dimensionato e abbinandolo a elettrodomestici di classe energetica A+++, si può arrivare a risparmiare fino al 70% della spesa sostenuta per il pagamento della bolletta elettrica. Se questo genere di incentivo non dovesse bastare, sappiate che per chi decide di installare un impianto fotovoltaico domestico si aprono un gran numero di possibilità. In primis, vi è la possibilità di accedere alle detrazioni fiscali al 50% per l’acquisto e la messa in opera dell’impianto. Per tutte le informazioni circa gli incentivi sull’acquisto di un impianto fotovoltaico, vi rimandiamo all’articolo detrazioni per impianto fotovoltaico.

Gli impianti fotovoltaici sono composti da quattro componenti principali, quali:

  • pannello o modulo fotovoltaico
  • inverter
  • quadro di protezione e comando
  • contatore elettrico bidirezionale
  • accumulatori (opzionale)

Per quanto riguarda i moduli fotovoltaici, ne esistono di diverse tecnologie con rispettiva rese ed efficienza. Si può scegliere in base alla resa o in base all’estetica, il mercato offre innumerevoli soluzioni. L’accumulatore è un acquisto raccomandato (anche se costoso) solo per chi intende puntare al massimo sull’autoconsumo dell’energia ma, per chi dispone di un impianto fotovoltaico, l’autoconsumo non è l’unica possibilità. Chi dispone di un impianto fotovoltaico può accedere a diverse opzioni che garantiscono risparmio energetico, ritorno economico e/o guadagno in base alle rese ottenute; in particolare, chi dispone di un impianto fotovoltaico può:

  • vendere energia fotovoltaica con la cessione in rete
  • sfruttare il cosiddetto scambio sul posto
  • sfruttare l’autoconsumo esclusivo con accumulatori

Per approfondire queste tre possibilità vi rimandiamo all’articolo Vendita energia fotovoltaica.

fotovoltaico o solare termico

Solare termico, incentivi e agevolazioni

Entrambe le tecnologie godono di agevolazioni per l’acquisto. Se per l’impianto fotovoltaico è possibile mirare alle detrazioni fiscali, per il solare termico, oltre alle detrazioni fiscali al 50%, sono disponibili agevolazioni economiche previste con il Conto Termico. Per tutte le informazioni è disponibile la pagina Conto termico 2016.

Un impianto solare termico riesce a trasformare l’energia solare in acqua calda sanitaria e, in genere, si compone di due parti:

  • Collettori solari, cioè i pannelli
  • Bollitore solare, cioè il boiler, un serbatoio di stoccaggio idrico

Un buon esempio di come integrare il solare termico nel riscaldamento domestico si può fare ipotizzando l’aggiunta di un sistema di riscaldamento ibrido a pompa di calore, di un impianto a pellet o della classica caldaia a gas. Chi decide di installare un impianto solare termico ad alta efficienza dovrebbe ipotizzare l’aggiunta di un puffer così da massimizzare l’impiego dell’acqua calda prodotto dallo stesso collettore solare.

Pubblicato da Anna De Simone il 29 giugno 2016