Fototipo: pelle e test

Fototipo

Fototipo, termine legato alla dermatologia che può essere utile a tutti noi, anche se non esperti, come comportarci con la nostra pelle e la luce del sole, oltre che in altre occasioni simili. C’è un test, ci sono delle categorie e delle raccomandazioni che è bene seguire non solo per non scottarsi alla prima uscita in spiaggia, ma anche per mantenersi in buona salute in senso più generale.



Fototipo: cosa è

Classificare una persona in base al suo fototipo non ha nulla a che fare con il razzismo e le etnie, si tratta di una valutazione dermatologica che si basa sulla qualità e sulla quantità di melanina presente in condizioni basali nella sua pelle.

Sapere a che fototipo apparteniamo, ci aiuta a prevedere le reazioni della pelle all’esposizione alla radiazione ultravioletta ed il tipo di abbronzatura che è possibile ottenere. Tutte informazioni utili per mantenersi in salute, con una bella pelle ma anche in forma e senza stress.

Fototipo

Fototipo: pelle

Partendo da una analisi dermatologica si arrivano a distinguere sei fototipi, prendendo come riferimento la classificazione più utilizzata, quella di Fitzpatrick, creata partendo dalle caratteristiche dell’individuo e della reazione all’esposizione ai raggi ultravioletti e arrivando a considerare la quantità di melanina, sostanza responsabile dell’abbronzatura.

Guardando ai sei fototipi individuati, quello che contiene più melanina è il VI, il II è quello che ne contiene di meno perché le persone di fototipo I sono quasi prive o del tutto prive di melanina. Questo significa che anche se si espongono per poco tempo alla luce solare, sono in una situazione pericolosa.

Fototipo: test

Guardando anche di sfuggita una persona, si può intuire il suo fototipo dagli occhi e dai capelli, oltre che dal colore della pelle che è il fattore più importante. Vero è che possiamo sbagliarci, esistono quindi dei test più scientifici, una prima indicazione la troviamo con il test on line messo a disposizione del Ministero della Salute sul suo sito, www.lamiapelle.salute.gov.it

Fototipo

Fototipo: tabella

Vediamo le caratteristiche dei 6 fototipi, partendo da quello con zero melanina o quasi. Chi appartiene ad esso ha una carnagione lattea/rossastra, è molto sensibile al sole, può avere occhi azzurri o verdi, capelli rossi o biondi chiari e moltissime lentiggini, si scotta sempre e non si abbronza mai.

Chi è del II ha una carnagione chiara molto sensibile al sole, occhi chiari, azzurri o verdi, capelli biondi e molte lentiggini. Si scotta spesso e se prende il sole al massimo assume una colorazione dorata difficile da notare.

Appartengono al III persone di carnagione abbastanza chiara e mediamente sensibili al sole, con occhi azzurri o verdi ma più scuri, capelli castani o biondo scuro, qualche lentiggine al massimo. Al sole sono persone che si scottano poco, diventando invece di un bel colore dorato.

Chi mostra una carnagione leggermente scura oppure olivastra, non molto sensibile al sole, e ha occhi marroni, capelli castani o castani scuri e pochissime lentiggini appartiene al IV, si scotta di rado e si abbronza in modo abbastanza intenso.

Al fototipo V appartengono individui con carnagione scura, occhi marroni, capelli neri, che si abbronzano in modo molto intenso e non si scottano quasi mai mentre è impossibile che si scottino quelli che hanno un fototipo VI, con la pelle già scurissima, occhi e capelli neri e nessuna lentiggine.

Fototipo

Fototipo e melanina

Cosa accade tra la luce e la pelle, che coinvolge la melanina? Vediamo meglio il meccanismo che si innesta e che rende importante conoscere il proprio fototipo. Quando la luce solare entra in gioco, alza la serotonina e il testosterone (tramite la vitamina D), agendo indirettamente anche su melanina e dopamina. Per scherzare sul nostro fototipo e sui colori della pelle, pensiamo a Pantone, nota per la sue mille sfumature come per la sua oggettistica variopinta ed elegante, come queste 6 tazze da espresso, acquistabili anche su Amazon.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 8 aprile 2018