Flowerssori: mobili per bambini ispirati al metodo Montessori

Mobili Flowerssori

Flowerssori è un progetto di mobili di ispirazione montessoriana sviluppato da un gruppo di architetti il cui promotore è nato a Chiaravalle, città natale di Maria Montessori. Il nome Flowerssori nasce dalla sintesi di due parole: fiore, come metafora del bambino e del design naturale, e Montessori, la donna il cui metodo cambiò per sempre le regole della pedagogia.

Flowerssori è il frutto di una lunga ricerca intellettuale e della decisione di ripartire dall’etica del “reale” e di scommettere sul futuro, ovvero i bambini. L’avvicinamento al tema della natura e l’attrazione per il mondo montessoriano sono stati la conseguenza della volontà di sviluppare un prodotto che non fosse una riproduzione in scala di un elemento da “adulti”, ma un oggetto disegnato sull’ergonomia e la sensorialità del bambino.

GUARDA LE FOTO DELLA LINEA FLOWERSSORI

“Alcuni anni fa abbiamo iniziato una ricerca su come il Metodo Montessori viene applicato nelle Case dei Bambini sia nello scenario nazionale sia internazionale. Dopo un’analisi sulla realtà delle aziende che producono mobili per bambini, in particolare afferenti al mondo montessoriano, abbiamo riscontrato che l’evoluzione del design di quello che Maria Montessori definiva “l’ambiente preparato” e che era fondamentalmente costituito dai mobili per il bambino, si è pressoché annullata – afferma l’architetto Hans Kruger Goffi di Flowerssori -; con questa convinzione abbiamo condotto una ricerca che ci ha portato dal Nord Europa al Nord America e in particolare in Canada. Qui abbiamo visitato molte realtà montessoriane e abbiamo parlato a lungo con esperti pedagogisti per capire come a loro avviso potesse essere perfettibile funzionalmente ed esteticamente l’arredo dedicato ai bambini”.

Il mobile Flowerssori è sensoriale: perché ha un impatto visivo e tattile, perché si sente il movimento del legno quando viene spostato e se ne apprezza il profumo dell’essenza, grazie alla marcatura a fuoco che identifica ogni pezzo come pezzo unico, numerato e marcato made in Italy. Il tronco dell’albero, derullato in unica sfoglia, non ha giunture. In questo modo la vita stessa dell’albero viene proiettata su una superficie a disposizione della quotidianità e della coscienza del bambino. Il mobile diventa natura viva per il bambino.

GUARDA LE FOTO DELLA LINEA FLOWERSSORI

Flowerssori fonda le sue basi sulla sostenibilità’: ecco perché usa legno e colla con il più basso impatto ambientale possibile, senza nemmeno una vite o un inserto di ferro o plastica all’interno dei mobili. Le essere utilizzate sono soprattutto il frassino e il faggio provenienti da foreste europee certificate secondo i tre principi dello schema di certificazione forestale PEFC 18/1/1: tutela dell’ambiente, rispetto dei diritti e delle tradizioni culturali, promozione della sostenibilità dal punto di vista economico e delle attività forestali.

Flowerssori ha sede a Pisa in Casa Ammannati, dimora natale di Galileo Galilei (casa torre del XIII sec.). Due soltanto, per ora, i punti vendita, entrambi in Canada. Grande l’attenzione per l’estero: il sito internet è stato scritto in inglese, presto verrà tradotto in italiano.  Nel mese di Gennaio 2012 Flowerssori è diventata socio istituzionale della Fondazione Chiaravalle Montessori.

GUARDA LE FOTO DELLA LINEA FLOWERSSORI

Ti potrebbe interessare anche

Metodo Montessori: libri e giochi

Pubblicato da Michele Ciceri il 9 settembre 2012