Fare la lavatrice: consigli per risparmiare

Fare la lavatrice

Come fare la lavatrice? Come gestire i vari programmi di lavaggio e ottenere un bucato perfetto? Ci sono degli accorgimenti che aiutano a risparmiare energia elettrica e ad avere capi puliti usando poco detersivo. Eccoli qua.

Fare la lavatrice: consigli per risparmiare

Diventiamo furbi. Le lavatrici sono dotate di vari programmi di lavaggio a seconda dei tessuti da lavare e della temperature desiderata. Alcuni programmi durano di più, altri di meno, ma se il bucato non è tanto sporco il risultato di lavaggio è lo stesso. L’unica differenza è che il programma più lungo consuma più elettricità.

Allora facciamo così: se dobbiamo lavare asciugamani, canottiere, mutande e tovaglieria di cotone poco sporchi, selezioniamo il programma dei tessuti sintetici/misti a 60°C anziché il programma cotone; il ciclo di lavaggio sarà più breve, la lavatrice dovrà sopportare meno movimenti meccanici (meno usura) e la qualità del bucato sarà la stessa.

Fare la lavatrice: i programmi

Per ciascun programma di lavaggio ci sono alcuni accorgimenti che ottimizzano il bucato. Nel programma cotone, l’ideale è far funzionare la macchina con il cestello pieno ma non sovraccarico (non cerchiamo di spingere dentro pezzi in più). Se il cestello è troppo pieno, il bucarto non viene lavato bene e il motore della lavatrice si stressa inutilmente. Riempire il cestello a metà, invece, è giustificato solo se la lavatrice prevede l’opzione mezzo carico, altrimenti sprechiamo acqua ed elettricità.

Con il programma sintetici/misti, il cestello invece va riempito solo a metà o poco più. Questo perché, più capi si mettono nel cestello e maggiore risulta l’elettricità delle finre sintetiche, con il risultato di sciuparle.

Con il programma capi delicati, un bucato perfetto si ottiene riempiendo il cestello solo a metà e riducendo in questo modo lo sfregamento fra i vari capi (se la lavatrice prevede il mezzo carico ovviamente è meglio). Anche con il programma lana è meglio riempire solo la metà del cestello per creare il minor attrito possibile sulle fibre.

Ti consiglio di leggere anche: Come risparmiare con il bucato

Pubblicato da Michele Ciceri il 14 settembre 2015