Echinacea, proprietà terapeutiche

echinacea
L’echinacea è una pianta ornamentale piuttosto simile alla margherita; presenta petali lunghi e sottili nelle sfumature del rosa e del glicine. Già da diversi anni questa pianta viene molto apprezzata per le sue notevoli virtù antinfiammatorie.

La natura offre diverse varietà di echinacea tuttavia solo tre specie presentano gli stessi principi attivi con proprietà curative: l’echinacea pallida, angustifolia e purpurea; quest’ultima viene impiegata sin dai tempi antichi per combattere disturbi quali, influenza, raffreddore, tosse…
Per approfondimento può interessare l’articolo “Influenza, rimedi naturali

Echinacea, proprietà terapeutiche

L’impiego dell’echinacea come trattamento naturale contro malattie delle vie respiratorie sarebbero avvallate da numerosi studi che confermerebbero la presenza di principi attivi soprattutto nella radice; a quanto pare questa pianta sarebbe in grado di stimolare il sistema immunitario e le cellule specializzate nell’eliminazione di virus e tossine.
Grazie alla discreta presenza di acido cicorico e acido caffeico, l’echinacea avrebbe anche un’azione anti virale in grado di ostacolare la proliferazione dei batteri e il contagio alle cellule sane.

Come usare l’Echinacea

L’echinacea è una delle piante più impiegate nella preparazione di rimedi erboristici e fitoterapici quali tintura madre, sciroppi, preparati per infusi, compresse d’integratori spray e lozioni; prodotti impiegati nella cura di diverse infezioni, per curare punture di insetto, ferite e scottature ma anche per avviare il processo di rigenerazione dei tessuti

Echinacea: tintura madre e decotti fai da te

Con l’assunzione dell’echinacea nel periodo invernale o in condizioni di forte stress, è possibile prevenire l’insorgenza di malattie da raffreddamento o di agevolare la guarigione una volta che si sono presentate.

Il modo più semplice per beneficiare delle virtù antinfiammatorie e immunostimolanti dell’echinacea è attraverso l’assunzione di un decotto con le radici; sono più ricche di principi attivi. Basterà seguire i consigli dell’erborista sulle dosi, in alternativa è possibile acquistare dei preparati pre-dosati.

La tintura madre è l’estratto che si ottiene da tutte le parti della pianta (semi, fiori e radici) attraverso un processo di macerazione ed estrazione con alcool; può essere impiegata sia pura che diluita in altre preparazioni per uso interno o esterno.

Echinacea, effetti collaterali

L’impiego dell’echinea nella cura di diversi disturbi nao andrebbe mai prolungata troppo nel tempo. Altro aspetto da considerare è l’eventualità che possano comparire reazioni allergiche. Poiché l’echinacea stimola il sistema immunitario è sconsigliabile l’assunzione in presenza di patologie autoimmuni (sclerosi multipla) e quando sono in corso terapie con immunosoppressori per evitare il rischio di contrastare il farmaco.

Echinacea: controindicazioni nei bambini

Si sconsiglia l’assunzione di Echinacea a bambini e a donne incinte ma anche a coloro che fanno uso di paracetamolo. Non vi sono documentazioni sull’uso dell’echinacea durante l’allattamento quindi se ne sconsiglia l’uso.

Altre controindicazioni: i principi attivi dell’echinacea sono inibitori dell’enzima ialuronidasi, quindi possono ostacolare l’assorbimento di determinati farmaci attraverso i tessuti.

Echinacea purpurea

L’Echinacea purpurea gode di un’ottima fama! Vi basterà pensare che l’Agenzia Europea per i medicinali (EMEA) ha approvato l’impiego dei preparati a base di Echinacea purpurea per prevenire diverse forme di raffreddore.

Non mancano linee guida per l’uso di gocce e compresse di echinacea purpurea: non dovrebbero essere assunte per più di 10 giorni. La MHRA britannica (Medicines and Healthcare products Regulatory Agency), ha sconsigliato l’uso dell’echinacea purpurea e altre specie di echinacea nei bambini con età inferiore ai 12 anni perché può innescare reazioni allergiche anche severe.

L’echinacea Purpurea è indubbiamente la specie più interessante e più coltivata. Le sue coltivazioni sono diffuse in tutto il mondo perché gli estratti di Echinacea purpurea annoverano comprovate proprietà medicinali: sono usati nelle preparazione di farmaci atti a rinforzare il sistema immunitario.

Dove comprare preparati a base di echinacea?

In farmacia, nelle erboristerie più fornite o con la compravendita online. Su Amazon, una confezione da 60 capsule di compresse di Echinacea da 400 mg è proposta al prezzo di 11,93 euro comprese di spese di spedizione. Le compresse sono state formulate per potenziare il sistema immunitario, proteggere dal virus dell’Herpes labiale, dall’influenza e accelerare la guarigione da infezioni, ferite della pelle o raffreddore.

Echinacea Compositum

L’Echinacea Compositum è un medicinale omeopatico che annovera proprietà cicatrizzanti, antinfettive e riepitelizzanti. Si tratta di un rimedio molto diffuso in omeopatia anche se piuttosto complesso: aggiunge ai principi attivi dell’Echinacea altri composti dalle proprietà simili e in grado di agire in sinergia per apportare diversi benefici all’organismo.

L’Echinacea Compositum, pur essendo un medicinale omeopatico, non va usato a cuor leggero: ricordatevi sempre di consultare il vostro medico! Rimedi naturali e omeopatia possono avere impatti imprevisti sul nostro organismo e per questo è sempre opportuno impiegarli sotto la supervisione di uno specialista. L’echinacea compositum è un farmaco omeopatico commercializzato in forma di compresse o fiale iniettabili.

Ti potrebbe interessare anche

Paracetamolo: a cosa serve

Pubblicato da Anna De Simone il 30 giugno 2015