Domotica Solare per gestire al meglio la casa

domotica solare

La domotica è la scienza che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa, la stessa parola nasce dall’unione dei termini domus, casa e robotica. La domotica solare è studiata per automatizzare l’attivazione e il controllo a distanza -tramite smartphone, notebook e tablet- di apparecchi quali luci, riscaldamento, condizionamento, antifurto, videosorveglianza, irrigazione, cancelli elettrici, sistemi di manutenzione, sistemi di pulizia automatizzati…

il cuore del sistema della domotica solare è costituito da un microprocessore di controllo alimentato a energia solare. Con la domotica solare si ha il vantaggio di non risentire di blackout e di poter essere installato in qualsiasi luogo, anche in assenza di rete elettrica, cavi o fili.

La domotica a energia solare è una moderna applicazione del fotovoltaico e consiste nell’attivare e controllare a distanza qualunque tipo di apparecchi elettrici.

La domotica solare si avvale di diversi componenti che a livello descrittivo dividiamo così:
-un controller che può essere un cellulare, uno smartphone o un notebook dal quale mandare il “comando”. Un controller può essere dato anche da un sensore (volumetrico, di fumo, di movimento…). Per controller intendiamo qualsiasi mezzo grazie al quale il microprocessore riceve un input.
-un microprocessore, una centralina che funge da intermediario tra il controller e l’apparecchio elettrico da gestire.
-una fonte elettrica, che in questo caso è rappresentata da moduli fotovoltaici.
-l’esecutore, l’apparecchio elettrico da governare: caldaie, luci, antifurti, sistemi di manutenzione…

Grazie alla domotica solare è possibile accendere le luci di casa inoltrando un sms, irrigare l’orto con uno squillo o gestire il sistema anti-intrusione con un app… tutto questo senza la necessità della rete elettrica.

I sistemi domotici hanno un bisogno costantemente di energia elettrica, infatti per funzionare a dovere devono essere attivi 24/24h, sempre pronti a gestire, azionare, disattivare, monitorare…. Grazie alla domotica solare si elimina l’anello debole ed è possibile impiegare i sistemi domotici in modo del tutto indipendente dalla rete elettrica.

La domotica a energia solare, così come la domotica convenzionale, si avvale di un gran numero di sensori atti ad automatizzare specifiche funzioni. I sensori sono sensibile a diversi fattori e di solito funzionano per “variazione” ciò consente una serie di automatismi che a livello pratico vedono le luci accendersi all’apertura di una porta, il riscaldamento attivarsi quando la temperatura raggiunge un determinato valore, la piscina pulirsi quando l’acqua è sporca… I sensori più diffusi sono:

– sensori volumetrici e/o magnetici usati per controllare porte, finestre e ambienti chiusi.
– sensori/pulsanti antincendio come rilevatori di fumo, fiamma con o senza allarmi.
– sensori di allagamento utile per la gestione idrica di giardini, piscine…
– sensori di mancanza rete elettrica a 220V, per controllare frigoriferi, congelatori o apparecchi che necessitano di una costante fornitura elettrica.

Ti potrebbe interessare anche il nostro articolo:

Foto da domoticasa.it

Pubblicato da Anna De Simone il 18 maggio 2014