Dispositivi medici detraibili

Dispositivi medici

Dispositivi medici ne usiamo tutti, o quasi, che siano solo lenti a contatto o occhiali, oppure altri meno diffusi e più impegnativi. Secondo la legge italiana, le spese per alcuni sono detraibili al 19% e questo vale sia che l’acquisto sia stato effettuato a nome del contribuente oppure per conto del familiare a carico.



Dispositivi medici: elenco

L’elenco dei dispositivi medici che esistono è decisamente infinito, o quasi, e ne spuntano fuori sempre di nuovi, fortunatamente, visto che la scienza evolve, un po’ come ci racconta il progetto Manifattura 4.0,  si tratta spesso di dispositivi che favoriscono lo sviluppo della Telemedicina  a braccetto con alcuni innovativi Robot umanoidi per la cura del malato o degli anziani.

Ci sono delle circolari delle Agenzia delle Entrate, come la n. 20 del 13/05/2011, che servono per definire cosa sono e quali possono essere detti “dispositivi medici”. Lo sono i prodotti, le apparecchiature e le strumentazioni che rientrano nella definizione di “dispositivo medico” contenuta negli articoli 1, comma 2, dei tre decreti legislativi di settore – con le leggi è sempre un rimando ad altre leggi – e devono anche essere dichiarati conformi a precise normative e marchiati “CE”.

Tra i dispositivi medici più in uso troviamo lenti oftalmiche correttive dei difetti visivi, montature di occhiali per ipermetropia e apparecchi acustici, i semplici cerotti, e poi bende, garze e medicazioni varie, le siringhe, i termometri, oppure apparecchio per aerosol o per la misurazione della pressione arteriosa.

Anche la penna pungidito per il prelievo di sangue capillare è tra i dispositivi medici come i prodotti per dentiere come le creme adesive e le compresse disinfettanti. Ci sono dispositivi medici diagnostici in vitro, anche, come il test di gravidanza di ovulazione o i vari strumenti per la determinazione del glucosio, del colesterolo, i test per le intolleranze o quello di autodiagnosi per la celiachia.

Dispositivi medici

Dispositivi medici detraibili

E’ una novità di quest’anno: nelle dichiarazioni dei redditi 2018, sia nel 730/2018 che in Redditi PF 2018, l’acquisto o il noleggio dei dispositivi medici può essere detratto. Le spese a cui si riferisce questa possibilità, sono quelle che abbiamo sostenuto nel periodo d’imposta 2017 ma la detrazione non avviene in automatico. Come in tutti gli altri casi, è essenziale che tutti i documenti e le “prove” siano in regola e certifichino acquisto e circostanze.

Tra i dispositivi medici detraibili ce ne sono molti di uso quotidiano per alcuni di noi, infatti ritroviamo lenti a contatto e soluzioni per la detersione e il mantenimento, occhiali, apparecchi acustici, siringhe e cerotti, e così via.

Tanto per dire che non sono detraibili solo dispositivi medici rari a vedersi. Nell’elenco ci sono ausili per disabili, materassi ortopedici e strisce per la determinazione del colesterolo e molti altri che però, per essere considerati detraibili, devono rientrare nelle 3 categorie individuate dalle direttive comunitarie e dalle norme legislative italiane.

Eccole, sono quelle dei dispositivi medici impiantabili attivi, di quelli medici in genere (direttiva 93/42/CEE; decreto legislativo 24 febbraio 1997, n. 46), e di quelli diagnostici in vitro.

Dispositivi medici

Dispositivi medici Ministero della Salute

Il Ministero della Salute per venirci incontro ha pubblicato sul suo sito istituzionale un elenco dettagliato ed aggiornato dei dispositivi medici detraibili che può essere consultato liberamente da tutti i contribuenti. La consultazione della banca dati dispositivi medici, può avvenire in due modi: direttamente o scaricando il dataset sul pc.

Dispositivi medici detraibili: come fare

Per essere certi di ottenere la detrazione a cui abbiamo diritto è essenziale avere lo scontrino fiscale o la fattura da cui risulti l’acquisto, la descrizione del dispositivo medico stesso e anche la documentazione relativa alla marcatura CE del dispositivo medico che così si dimostra essere conforme.

Soddisfatti i requisiti di detraibilità della spesa, possiamo come contribuenti, inserirla nella dichiarazione dei redditi 2018 tra le spese detraibili nel 730 o nell’Unico, insieme alle spese farmaci detraibili e la detrazione spese mediche.

Dispositivi medici

Dispositivi medici: classificazione

Detraibili o meno, i dispositivi medici sono una categoria precisa di dispositivi e non è un modo di dire. Oggi ci si può sbagliare, con i tanti prodotti che si posizionano in una no man’s land tra l’igiene, la bellezza e il dispositivo medico, oggetto che deve essere impiegato sull’uomo con precisi fini. Ecco quali: per diagnosi, prevenzione, controllo, trattamento o attenuazione di malattie o di una ferita o di un handicap oppure per studio, sostituzione o modifica dell’anatomia oppure di un processo fisiologico, oppure ancora per controllo del concepimento.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 23 aprile 2018