Come sturare i tubi con un disgorgante naturale

disgorgante naturale

Utilizzare un disgorgante naturale è una scelta che premia anche dal punto di vista del risultato oppure fare una buona azione dal punto di vista ambientalista significa dover giungere a compromessi lato sanitario? Vediamo qual è la situazione oggi.



Disgorgante naturale

Un disgorgante naturale non cresce propriamente su un albero, ma possiamo prepararlo noi mescolando vari ingredienti tutti naturali. Ci sono parecchie miscele infatti che, pur non contenendo sostanze chimiche, risultano molto efficaci quando si tratta di risolvere situazioni di intasamento del lavandino.

A volte si fa uso di disgorganti chimici tradizionali per sola pigrizia, senza nemmeno chiedersi se ci sono delle alternative valide meno dannose per l’ambiente, visto che i disgorganti chimici sono davvero dei nemici del pianeta Terra e di chi ci vive.

Quando scegliamo un prodotto per le pulizie domestiche, che sia un disgorgante oppure un altro tipo di prodotto, dobbiamo pensare che finirà in poco tempo negli scarichi delle nostre case e nelle falde acquifere. E’ chiaro che l’uso di un disgorgante naturale si traduce in falde acquifere meno inquinate, campi e terre meno inquinate, acque meno inquinate. Un pianeta meno inquinato.

Se siamo in cerca del disgorgante naturale che fa per noi, l prima cosa da fare è vedere se ci sono dei classici “rimedi della nonna” efficaci. Guardate caso, ce ne sono!

Disgorgante naturale

Disgorgante: i migliori

Basta un poco di zucchero, diceva Mary Poppins. Possiamo traslare la sua filastrocca in ambito di pulizie domestiche, dicendo che bastano pochi ingredienti semplici per ottenere un disgorgante naturale molto efficace, senza dover stare ore e ore a preparare strane miscele da fattucchiera.

La “Nonna” è una tipa pratica, non ci impone cose troppo complesse e ne rifugge lei stessa raccomandandoci però di mantenere pulito lo scarico del lavandino prima che si intasi. Prevenire è meglio che curare, banale a dirsi, ma è vero. Per farlo la Nonna suggerisce di versare un mix di acqua e sale ogni tanto. Se siamo già di fronte al danno fatto, allo scarico o al lavandino intasato, proviamo una delle sue ricette.

Gli ingredienti sono: 4 cucchiai di sale, 4 cucchiai di bicarbonato, acqua bollente. Dopo che questa miscela resta per qualche minuto in azione, possiamo notare dei miglioramenti, ripetiamo finché tutto non scorre liscio.

Un rimedio alternativo è a base di patate. Sì, serve l’acqua di cottura delle patate, senza patate la possiamo versare nello scarico lasciando che agisca. Chi non è particolarmente infastidito dall’odore dell’aceto può anche provare facendone bollire un litro da versare lentamente nello scarico, è necessario aspettare che agisca per un’ora prima di utilizzare il lavello.

Una ricetta della nonna, più complessa, ma anche più potente, è quella che suggerisce di miscelare mezza tazza di sale, mezza tazza di bicarbonato di soda e un quarto di tazza di acido tartarico. Il liquido ottenuto, versato nello scarico, va fatto seguire da acqua bollente e da un paio di ore di paziente attesa, ma il risultato ci ripagherà del tempo impiegato per questo disgorgante naturale più complesso da preparare.

Disgorgante con acido solforico

Ci sono dei disgorganti che contengono prodotti chimici, in particolare la soda caustica, che sono molto diffusi ma questo non significa che siano anche più efficaci. Certo, sono più pericolosi perché possono anche provocare gravi ustioni se vengono a contatto con la pelle, vanno quindi utilizzati con massima cautela e con tutte le accortezze del caso.

Se decidiamo di snobbare un disgorgante naturale pensando che quello chimico possa essere meglio, facciamo attenzione a conservare quest’ultimo fuori dalla portata dei bambini e anche degli animali, se ne abbiamo in giro per casa.

Disgorgante con acido solforico

Disgorgante per wc

Per sturare un WC intasato si possono usare tutti i rimedi naturali finora citati, ce ne sono anche di più potenti, vediamo quali. C’è quello a base di sale, aceto e bicarbonato di sodio, da mescolare con acqua bollente e poi versare: fa effetto in pochi minuti e il risultato sorprende. Ancora più efficace dovrebbe essere il disgorgante ottenuto mescolando la soda caustica a scaglie e l’acqua calda ma ricordiamoci di indossare i guanti e di non respirare i vapori.

Disgorgante fai da te

Ne abbiamo viste diverse, finora, di ricette per disgorganti fai da te e prima di dire che non funzionano, proviamone almeno due o tre. Molti prodotti venduti nei supermercati, anche se dai nomi pomposi e promettenti, non sono molto efficaci, non più di una miscela di quelle appena viste. Oltretutto, utilizzando un disgorgante chimico, inquiniamo e ci inquiniamo, rischiando di ustionarci o di respirare vapori dannosi. Se preferiamo metodi fai da te, ma meccanici, possiamo optare per la spirale o per il sifone. Anche per sgorgare lo scarico esistono dei rimedi fai da te, noi li abbiamo raccontati nell’articolo “Sgorgare lo scarico

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 12 agosto 2018