Come pescare in modo sostenibile

Ti piace andare a pesca ma hai un senso spiccato di sensibilità ambientale? Ultimamente si stanno sempre meno apprezzando le forme di sport che implicano l’uso degli animali. Per molti la caccia e la pesca non sono considerate sport, ma pratiche crudeli alle quali bisognerebbe rinunciare totalmente.
Esiste tuttavia una forma di pesca sportiva che rispetta l’ambiente e i pesci.

Come pescare in modo sostenibile. La pesca “catch & release”
La pesca catch & release è uno sport rispettoso dell’ambiente: dà la possibilità di catturare i pesci per effettuare un confronto tra pescatori, per poi lasciarli liberi di continuare a vivere.

Vengono usati degli ami particolari, per cui i pesci non subiscono danni durante la pesca sportiva. I rischi di mortalità sono bassi. Unico inconveniente al momento: non esistono garanzie sulla sopravvivenza del pesce dopo la cattura, a causa dei danni che l’amo potrebbe avere inferto all’apparato digerente del pesce. Con questi ami i pesci piccoli non possono essere pescati. Scegliendo con attenzione gli ami giusti si evita di prendere esemplari giovani, che ancora non si sono riprodotti.

Pesca sostenibile, consigli utili
Usare ami senza ardiglione: gli ami senza ardiglione possono facilitare una più rapida rimozione dalla bocca del pesce e ridurre il rischio di lesioni.
Una volta pescato il pesce, portare a terra il pesce il più rapidamente possibile. Ciò è particolarmente importante quando la pesca alla trota in periodi di aumento della temperatura dell’acqua (maggiore di 21 gradi), è anche per le specie d’acqua calda, quando le temperature dell’acqua sono relativamente elevate (superiori a 26 gradi).

Utilizzare sempre un guadino: l’uso del guadino può aiutare a ridurre la quantità di tempo necessaria a portare a terra il pesce invece di tenerlo che si dibatta in acque basse o sulla riva.
Bagnarsi le mani: bagnare le mani, il guadino, e altri materiali che possono venire a contatto con il pesce. Questo riduce la rimozione del muco e riduce la possibilità di infezioni batteriche.
Tenere il pesce a testa in giù durante la rimozione dell’amo: può rilassare il pesce e ridurre lo stress durante la manipolazione.
Rimuovere l’amo con una pinza: strumento essenziale per la rapida rimozione degli ami.
Tagliare la lenza quando non è possibile rimuovere l’amo: un piccolo pezzo di lenza dovrebbe essere lasciato sull’amo per facilitare il passaggio attraverso l’apparato digerente
Non toccare le branchie: iI filamenti branchiali sono molto sensibili e possono essere facilmente feriti.

I pesci devono essere maneggiati vicino alla testa e la coda, se possibile, o delicatamente tenendo il pesce nei pressi della sezione centrale. Oppure può essere tranquillamente gestito tenendolo con il pollice in bocca e l’indice sotto il mento.
Una volta liberato, posizionare il pesce in modo verticale sott’acqua e lasciarlo nuotare via con i propri mezzi.
Con questi consigli potete continuare a pescare nel rispetto delle creature del mare.

Foto | uif-net.com

Pubblicato da Anna De Simone il 20 luglio 2012