Come fare l’olio di oliva in casa

Come fare olio in casa

Come fare l’olio in casa: una guida pratica e veloce che vi spiegherà come si fa l’olio in casa con la premitura a freddo delle olive.

Se il vostro sogno è quello di abbracciare l’autoproduzione di ciò che portate in tavola, avete bisogno di due cose: un orto e una buona manualità.

Dalla terra avrete modo di produrre la materia prima e con la lavorazione della materia prima avrete un bisogno marginale di rifornirvi presso un supermercato. Certo, sarebbe presuntuoso il pensiero di evitare completamente di fare la spesa al supermercato ma… in casa possiamo preparare davvero tanto!

Tra i prodotti che possiamo preparare in casa figura l’olio extravergine d’oliva. Non solo olio extravergine d’oliva, anche olio di semi di zucca, di macademia, olio di arachidi, olio di semi di ravizzone… e così via. Basta un piccolo torchio per trasformare semi oleosi in un perfetto condimento, limpido, naturale e home made (fatto in casa).

Come si produce l’olio d’oliva

Per produrre l’olio da cucina si opera la cosiddetta “pressatura” nei frantoi. Nei frantoi le olive subiscono un processo noto come molitura, cioè quintali e quintali di olive vengono “spappolate”, si va a dividere il nocciolo dalla polpa.

La polpa va a costituire una pasta, composta da acqua e olio. La pasta, nei frantoi, è tenuta a una temperatura non superiore ai 27°C. E’ per questo che si parla di spremitura a freddo!

Da questa pasta si prosegue poi all’estrazione dell’olio operata da una macchina che riesce a dividere il liquido dalla polpa e poi a scindere ulteriormente la fase liquida. La fase liquida, infatti, è data da olio e acqua.

Tranquilli, per preparare l’olio di oliva in casa (così come per preparare molti altri oli di origine vegetale) non avrete bisogno di un frantoio né di macchine particolari, vi basterà un premitutto in acciaio inox o un piccolo torchio.

Alcuni produttori, infatti, dalla polpa riescono a prelevare il cosiddetto olio affiorato. L’olio affiorato è il prodotto più caro ricavato dall’olio d’oliva.

L’olio che affiora sulla superficie dalla pasta, si chiama per l’appunto “olio affiorato”. Questo prodotto è normalmente molto caro, difficile da trovare ma… fidatevi, ne vale la pena! Vi sembrerà di assaggiare, per la prima volta, il vero olio d’oliva!

Come fare l’olio in casa

Nei negozi specializzati, ma anche online, esistono diversi premitutto nati per la produzione dell’olio fatto in casa, del latte di mandorla ma anche di liquori o per pressare le melanzane da fare sott’olio. Lo stesso torchio si può usare per preparare i cosiddetti ciccioli, zucchine sott’olio, sardine salate e tanti altri prodotto home made.

Nel caso dell’olio di oliva fatto in casa, la produzione è semplice.

Vi basterà inserire le olive a giusta maturazione e girare il torchio. In commercio esistono torchi elettrici o manuali. In realtà potreste usare anche un semplice passaverdure (se in acciaio di buona qualità) ma in questo caso in una giornata di lavoro riuscireste a ottenere giusto un bicchierino d’olio!

Per fare l’olio in casa, non dovete fare altro che mettere le olive nel torchio, azionarlo, raccoglierne la pasta e attendere.

La pasta delle olive è pronta quando sulla superficie iniziano ad affiorare delle goccioline d’olio che dovrete prelevare con estrema pazienza e attenzione. Si tratterà di olio affiorato, la varietà di olio extravergine d’oliva più pregiata e cara del mercato.

Se fin ora non ne avete sentito mai parlare è normale. L’olio affiorato è una prelibatezza che solo pochi frantoi decidono di produrre. La produzione è solitamente esigua e destinata a un pubblico d’élite. Per capire il pregio dell’olio affiorato che andrete a produrre in casa, vi basterà vedere i prezzi di mercato: una bottiglia da 750 ml di olio affiorato ha un prezzo medio di 25 – 35 euro. Per fare un paragone, l’olio extravergine d’oliva con marchio BIO costa in media 10 – 15 euro a litro.

Torchio elettrico o manuale

Come premesso, in commercio sono numerosi i torchi a uso domestico, sia elettrici che manuali. I torchi elettrici sono piuttosto costosi ma chi ha un piccolo oliveto farebbe bene a comprarlo.

Discorso diverso per i torchi manuali che si comprano con budget di 40 – 50 euro. Per tutte le informazioni vi invitiamo a visitare la pagina Amazon dedicata ai torchi per uso domestico: torchio premitutto, prezzi e modelli.

Il torchietto nella foto in basso è indicato per la produzione di sidro di mele, vino, olio e altri estratti liquidi da frutta o verdura.

Ha una capacità di 12 litri ma dall’aspetto sembra essere più adatto alla pressatura di frutta ma chi vuole cimentarsi, può sperimentarlo per la produzione di olio di oliva fatto in casa. Certamente non sarebbe adatto per la produzione di olio di semi.

Questa pressa-torchio è proposta su Amazon al prezzo di 104,99 euro e spese di spedizione gratuite, è realizzato con una base di ferro e un involucro di legno massiccio che costituisce il corpo della pressa.

Per tutte le informazioni: Pressa, torchio manuale professionale

 

Pubblicato da Anna De Simone il 3 settembre 2017