Cambiare abitudini alimentari e mentali

Cambiare abitudini

Cambiare abitudini creandosene altre migliori oppure adottando l’abitudine di non avere mi abitudini. La prima scelta è più semplice, la seconda può essere uno stile di vita non sempre gestibile in un mondo in cui, a cambiare abitudini, si fa fatica. Non mi riferisco solo a quelle alimentari, anzi, ci sono consuetudini ben più difficili da cambiare e che diventano delle gabbie.



Cambiare abitudini di vita

Prima di cambiare le abitudini di vita ci sono dei passi da compiere in modo che gli sforzi non siano vani. Meglio prima scegliere cosa desideriamo veramente, in che direzione vogliamo cambiare. Il processo più semplice per cambiare abitudini è quello di sostituirle con altre che più aderiscono ai nostri desideri. Eliminare delle abitudini lascia un vuoto, le cattive abitudini, infatti, spesso sopravvivono a lungo perché servono a riempire un vuoto, un vuoto che può fare paura.

Dopo aver capito cosa desideriamo, è necessario concretizzare definendo obiettivi e traguardi specifici, misurabili, ambiziosi ma raggiungibili, anche fissando una scadenza temporale altrimenti si finisce con il procrastinare.

Anche l’ambiente e le persone attorno a noi sono molto importanti quando vogliamo cambiare abitudini, possono fornire motivazioni oppure possono farci cadere in tentazione. Riempire il frigo di dolci non aiuta a cambiare la propria dieta rendendola più sana. Questo è solo un banale ma reale esempio.

Cambiare abitudini

Cambiare abitudini alimentari

Proprio l’aver citato il frigo pieno di dolci ci porta all’idea di cambiare abitudini alimentari per cercare ci adottare una alimentazione sana per il nostro organismo. Sull’obiettivo di questo cambiamento è bene consultare un esperto perché non tutte le diete si adattano a età, corporazione, peso e stile di vita.

Inoltre, è bene capire che il cambiare alimentazione non significa per forza diventare degli asceti, ascoltiamo il nostro corpo e non forziamo troppo a meno di precise prescrizioni cliniche. E’ importante, cambiando abitudini alimentari, non farci condizionare dalle tante diete che impazzano in giro senza un supporto scientifico, creando solo molto caos e anche qualche rischio per la salute di chi ci casca.

Cambiare abitudini

Cambiare abitudini in 21 giorni

In 21 giorni si possono cambiare molte abitudini solo se in ognuno di questi giorni si applica una modifica. E’ passo dopo passo, giorno per giorno, con costanza, che avviene il vero cambiamento, spesso invece gli stravolgimenti sono deleteri, sia per il corpo, sia per la mente e l’animo. Per cambiare è necessario mettersi nell’ottica che volere è potere, e noi vogliamo!

Non inventiamo delle rivoluzioni da zero ma facciamone tante piccole ogni giorno procedendo con cautela ma non a caso, bensì seguendo un piano che avremo preventivamente steso, fissando obiettivi e scadenze. Essenziale, in questa rivoluzione evoluzione di abitudini di vita, è il divertirsi. Senza la motivazione e il piacere di farlo, è difficile cambiare, se non impossibile.

Cambiare abitudini

Cambiare abitudini mentali

Nel volume di Roberto Re “Cambiare senza paura” viene efficacemente spiegato “come vincere la sfida del cambiamento nel lavoro, nelle relazioni, nella vita”. In vendita anche su Amazon, questo libro è davvero una utile guida pratica ricca di spunti concreti e subito applicabili.

Cambiare abitudini per cambiare vita

Ultimo consiglio per cambiare abitudini, è quello di tenere un diario, un Bullet Journal o comunque di tenere traccia di ciò che facciamo e soprattutto dei progressi. E’ importante averli davanti agli occhi perché guardando la strada già percorsa, l’orizzonte che ci aspetta ci farà molta meno paura.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 19 ottobre 2017