Biodigestore ARTI

Il biogas può essere prodotto autonomamente, in casa, senza la necessità di apparecchiature eccessivamente sofistica e ingombranti. Il congegno per la produzione di biogas è composto da un digestore compatto in grado di ricavare biogas da scarti alimentari sia di tipo vegetale che farinaceo.

In India sono più di 2.000 le famiglie che stanno sperimentando questo congegno. Il digestore compatto è stato brevettato dall’Appropriate Rural Technology Institute del Maharashtra. A svilupparto è stato il gruppo ARTI dal quale prende il nome il digestore, è stato battezzato, infatti, ARTI-Biogas. Il gruppo Arti, grazie alla sua invenzione, si è aggiudicato l’Ashden Awards nella categoria “food security” per le energie sostenibili.

In ambito domestico, il gas prodotto dal biodigestore può essere impiegato per alimentare il piano cottura in caso di cucine a gas, oppure, per il riscaldamento dell’acqua degli impianti sanitari. Per le famiglie dell’occidente, questo si traduce con un consistente risparmio economico, per le famiglie indiane, l’arti-biogas riesce a portare acqua calda e gas pronto all’uso, anche in quelle località remote dove sono assenti gasdotti.

Rispetto ai sistemi tradizionali a biomassa animale, il processo di biodigestione degli scarti alimentari a base vegetale o farinacea, risulta più veloce. Il sistema del gruppo Arti consente di risparmiare soldi e regala un grosso risparmio anche all’ambiente:
-c’è una riduzione della produzione di rifiuti, è vero, si tratta di scarti organici ma questo si traduce in meno combustibili per il trasporto dei rifiuti
-riduzione della produzione di gas metano e petrolio
-riduzione delle emissioni di CO2
-l’Arti-Biogas produce un liquido di scarto che può essere facilmente impiegato come fertilizzante

Il digestore compatto ARTI può essere montato in poco spazio, occupa 2 metri per 2,5. E’ composta da una bocca d’ingresso, due serbatoi, un tubo di scarico per il liquido fertilizzante e uno per il collegamento alle caldaie o ai fornelli. Il prezzo del digestore è di circa 150-200 euro.

Pubblicato da Anna De Simone il 10 febbraio 2013