Aumento demografico e cambiamenti climatici

Aumento demografico e cambiamenti climatici” è il terzo articolo frutto della collaborazione tra la Sezione Valorizzazione della Ricerca e Public Engagement – Agorà Scienza – e dal Green Office UniToGO dell’Università di Torino con la IdeeGreen S.r.l. Società Benefit.

L’articolo riprende i testi del dr. Tommaso Orusa pubblicati nell’opera “Lessico e Nuvole: le parole del cambiamento climatico”, la seconda edizione della guida linguistica e scientifica per orientarsi nelle più urgenti questioni relative al riscaldamento globale, curata dalla Sezione e dal Green Office.



La versione gratuita di Lessico e Nuvole, sotto forma di file in formato .pdf, è scaricabile dalla piattaforma zenodo.org.

La versione cartacea è acquistabile online sulle seguenti piattaforme di distribuzione:

– youcanprint.it

– Amazon

– Mondadori (anche con Carta del Docente e 18app)

– IBS

– Libreria Universitaria (anche con Carta del Docente e 18app)

Tutto il ricavato delle versioni a pagamento sarà utilizzato dall’Università di Torino per finanziare progetti di ricerca e di public engagement sui temi dei cambiamenti climatici e della sostenibilità.

L’aumento della popolazione degli ultimi decenni

L’aumento della popolazione globale ha avuto un boom a partire dal 1950 e, in questo XXI secolo, il mon­do si troverà faccia a faccia con gli effetti della più gran­de esplosione demografica nella storia dell’umanità.

Nel 2011, infatti, la popolazione mondiale ha raggiunto la ci­fra di 7 miliardi di persone – un traguardo straordinariamen­te significativo nello sviluppo demografico – mentre i 6 mi­liardi erano stati toccati appena 12 anni prima, nel 1999. Si tenga presente che nel 1900 la popolazione della Terra era costituita da circa un miliardo e 650 milioni di persone; da allora si è accresciuta di oltre 5 miliardi di individui e continua a cre­scere, seppur con ritmi diversi a seconda delle aree geografiche.

A oggi (2020) sulla base dei dati forniti dalla Banca Mondiale la popolazione globale supera i 7,7 miliardi di persone. Tutto ciò in buona parte dovuto all’incremento della qualità della vita e del progresso scientifico e tecnologico.

Aumento Demografico: dati e analisi di due varabili

Per comprendere meglio il processo dell’aumento demografico occorre separare i dati e le analisi di due grandezze/variabili: il numero complessivo di individui, cioè la popolazione, e il relativo tasso di accrescimento annuale. A questo proposito è bene far riferimento al seguente grafico che mostra come le Nazioni Unite prevedano la lenta fine della transizione demografica globale.

Mentre la crescita della popolazione continua a diminuire, la curva che rappresenta la popolazione mondiale sta diventando sempre più ripida. Entro la fine del secolo – quando la crescita della popolazione globale sarà scesa allo 0,1% secondo la proiezione delle Nazioni Unite – il mondo sarà molto vicino alla fine della transizione demografica. È difficile conoscere le dinamiche della popolazione oltre il 2100; dipenderà dal tasso di fertilità.

La popolazione mondiale raggiungerà una dimensione che, rispetto alla storia dell’umanità, sarà straordinaria; se le proiezioni delle Nazioni Unite e Banca Mondiale sono accurate, la popolazione mondiale sarà aumentata di oltre 10 volte nell’arco di 250 anni. Lo scenario che si avrà a fine secolo è diverso da quello del passato, quando era l’altissima mortalità che teneva sotto controllo la crescita della popolazione. Nel nuovo bilancio sarà una bassa fertilità che manterrà piccoli i cambiamenti della popolazione unitamente ai cambiamenti climatici e la pressione sulle risorse naturali e gli ecosistemi.

aumento popolazione 1700 2100
Fonte: OurWorldinData.org.

Tasso di accrescimento della po­polazione

Il tasso di accrescimento annuale della po­polazione è cresciuto fino a toccare il suo massimo nel corso del quinquennio 1965-70, con un valore pari al 2,02%, mentre nel quinquennio 2010-15 è sceso fino a 1,11%. In termini numerici e non percentuali, attualmente la popolazione mondiale au­menta di 79 milioni di persone all’anno, mentre soltanto venticinque anni prima l’accrescimento era di 89 milioni. Grazie a un controllo delle nascite sempre più dif­fuso e accettato nel mondo (come il caso della Cina), il numero medio di figli per donna nel mondo, pari a cinque nei primi venti anni dopo la Seconda guerra mon­diale, è cominciato a scendere prima len­tamente e poi più in fretta, fino al valore di 2,5 stimato per il quinquennio 2010-15. Inoltre, dappertutto nel mondo la fecondità va calando più velocemente di quanto soltanto pochi anni fa si pensasse.

Il tasso di accrescimento della popolazione globale, quindi, ha raggiunto il picco molto tempo fa (nel 1968). Dagli anni Settanta del secolo scorso il tasso di crescita è in calo. Ciò significa che la popolazione mon­diale non sta crescendo in modo esponen­ziale, da decenni ormai; dagli anni Settan­ta ad oggi la crescita della popolazione è stata più simile a una tendenza lineare. Esaminando nuovamente l’aumento as­soluto della popolazione all’anno, esso ha raggiunto il picco alla fine degli anni Ot­tanta, con oltre 90 milioni di persone in più ogni anno. Ma è rimasto alto fino a poco tempo fa.

Per il futuro le Nazioni Unite prevedono che tale incremento annuale (in numero assoluto di individui) andrà in negativo e diminuirà di circa 1 milione ogni anno. In termini di previsioni, in base ai dati storici e agli andamenti estrapolati, nel 2011 si è stimato che occorreranno circa 13 anni per raggiungere gli 8 miliardi (nel 2024); altri 14 anni per raggiungere i 9 miliardi nel 2038; 18 anni per raggiunge­re i 10 miliardi nel 2056; e altri 32 anni per raggiungere l’undicesimo miliardo nel 2088.

Dal punto di vista geografico, la regione del mondo che ha visto la più rapida cre­scita della popolazione negli ultimi due secoli è stata il Nord America. La popola­zione è cresciuta di 31 volte. L’America La­tina ha visto il secondo maggior aumento (28 volte). Nello stesso periodo la popo­lazione dell’Europa è aumentata di 3 vol­te, in Africa di 14 volte e in Asia di 6 volte. La distribuzione della popolazione mon­diale dovrebbe cambiare in modo signi­ficativo nel corso del XXI secolo.

A inizio 2020 i primi cinque paesi più popolosi sono:

1) Cina (1,42 miliardi)

2) India (1,37 miliardi)

3) Stati Uniti (329 milioni)

4) Indonesia (269 milioni)

5) Brasile (212 milioni)

Per diversi secoli, la Cina è stata il pae­se più popoloso del mondo. Ma non per molto: si prevede che l’India supererà la Cina entro il prossimo decennio. È inte­ressante notare come questi paesi, solo in meri termini demografici, abbiano un peso notevole sull’accettazione e la ratifi­ca di politiche e accordi internazionali sul clima. Si tratta in buona parte di paesi in via di sviluppo e con un’impronta di car­bonio e consumo reale o potenziale di risorse naturali molto elevato, e sono ca­ratterizzati talora da forti instabilità geo­politiche per l’ottenimento di risorse con altri paesi spesso confinanti.

Il legame tra cambiamenti climatici e incremento demografico

In termini climatici e di pressione antropica sulle risorse naturali, e anche in funzione della relativa instabilità geopolitica oltre che ecologica, tutto ciò ha pesanti risvolti. Perché? La NATO e il Pentagono così come alcu­ni paesi, hanno redatto piani meramente strategici e difensivi per gestire le ondate migratorie e la crescente competizione tra nazioni e mercati per garantire l’ap­provvigionamento di risorse a fronte di una crescente domanda.

L’aumento demografico comporterà: la necessità di un raddoppio della produ­zione agricola in quattro decenni, un aumento dei consumi idrici (già del 30% entro il 2030) ed entro la metà del XXI secolo sistemazioni urbane per tre altri miliardi di persone (con notevoli effetti sul cambio d’uso del suolo e sulle emis­sioni di gas serra).

Si aggiunga la crescente domanda ener­getica per sostenere la crescita econo­mica tanto nei paesi post-industriali, in quelli industriali e in quelli di recente in­dustrializzazione, tenendo conto di una domanda che raddoppierà entro il 2050.

Ne consegue dunque, come la crescita della popolazione mondiale e il riscal­damento globale sono due delle mag­giori questioni che l’umanità si trova at­tualmente ad affrontare (“Quadruplice morsa”). Si tratta di due questioni collegate tra loro: un tasso di crescita della popolazione più elevato implica più emissioni di gas serra e una maggiore percentuale di persone esposte alle catastrofi naturali provocate dai cam­biamenti climatici.

Per stabilire le politiche di contenimento delle emissioni di gas serra e di mitigazione del riscaldamento è quindi fondamentale incrociare le stime dell’incremento della popolazione fornite dal­le Nazioni Unite con i modelli teorici che tengono conto dello sviluppo economico (degli inventari di gas serra) e delle possibili scelte che si vorranno prendere analizzando diversi possibili sce­nari futuri.

 

dott. Tommaso Orusa, borsista di ricerca presso Unito Green Office Energia e Cambiamenti climatici e dottorando al GEO4AGRI presso il Dipartimento di Scienze, Agrarie Forestali e Alimentari dell’Università degli studi di Torino

Bibliografia

– Jones, Glenn A., and Kevin J. Warner. “The 21st century popu­lation-energy-climate nexus.” Energy Policy 93 (2016): 206-212.

– Neurath, Paul. “From Malthus to the Club of Rome and Back: problems of limits to growth, popula­tion control and migrations”. Taylor & Francis, 2017.

– Rockström, Johan, Mattias Klum, and Peter Miller. “Big world, small planet: abundance within plan­etary boundaries”. Yale University Press, 2015.

– Rosenzweig, Cynthia, and Martin L. Parry. “Potential impact of climate change on world food supply.” Nature 367.6459 (1994): 133-138.

– Scovronick, Noah, et al. “Impact of population growth and popu­lation ethics on climate change mitigation policy”. Proceedings of the National Academy of Sciences 114.46 (2017): 12338-12343.

– Steffen, Will, et al. “Planetary boundaries: Guiding human development on a changing planet”. Science 347.6223 (2015).

– Stephenson, Judith, Karen Newman, and Susannah Mayhew. “Population dynamics and climate change: what are the links?” Journal of Public Health 32.2 (2010): 150-156.

– Vörösmarty, Charles J., et al. “Global water resources: vulnerability from climate change and popula­tion growth”. Science 289.5477 (2000): 284-288.

– Zhang, David D., et al. “Global climate change, war, and popu­lation decline in recent human history.” Proceedings of the National Academy of Sciences 104.49 (2007): 19214-19219.

Credits immagine di apertura: https://cdn.pixabay.com/photo/2021/01/30/14/22/women-5963960_960_720.jpg

Pubblicato da Matteo Di Felice, Imprenditore e Managing Director di IdeeGreen.it, Istruttore di corsa RunTrainer certificato RunAcademy FIDAL, Istruttore Divulgativo certificato della Federazione Scacchi Italiana e appassionato di Sostenibilità, il 23 Marzo 2021