Andare a scuola in bici

andare a scuola in bici

Andare a scuola in bici: suggerimenti per andare a scuola in bici in piena autonomia e consigli per le mamme che vogliono accompagnare i bambini a scuola in bicicletta.

Settembre e ottobre sono i mesi perfetti per andare a scuola in bici, soprattutto per chi abita nel meridione d’Italia: l’aria è frizzante e pedale al fresco è molto piacevole! I mesi ideali per andare a scuola in bici sono: settembre, ottobre, marzo, aprile e maggio. Da novembre a febbraio le frequenti piogge potrebbero scoraggiare molte mamme e studenti che intendono pedalare fino a scuola, tuttavia anche in pieno inverno si può approfittare delle giornate di sole per lasciare l’auto in garage e scendere sulle due ruote a pedali.

Andare a scuola in bici, vantaggi

La bicicletta non presenta costi di gestione, l’unico costo richiesto è lo sforzo fisico per la pedalata ma, con l’allenamento, saremo sempre più pronti ad affrontare anche le più lunghe percorrenze. Giorno dopo giorno, pedalata dopo pedalata, la nostra muscolatura si rafforzerà e la fatica si farà sentire sempre meno. Bisogna avere pazienza solo nel primo mese di rodaggio. I benefici sono tanti: migliora il metabolismo, migliora la circolazione sanguigna, risparmio economico e… la bicicletta ci fa mantenere in forma!

I vantaggi sono davvero tanti: pensate che non dovrete affrontare gli ingorghi tipici dei complessi scolastici, ne’ avere il problema del parcheggio auto! Potete aspettare vostro figlio direttamente all’uscita di scuola, senza nessun tipo di problema.

Andare a scuola in bici, consigli utili

La prima regola importante per chi vuole andare a scuola in bici (ma anche per chi vuole andare a lavoro in bicicletta!) è la stessa che sta alla base della buona alimentazione: non trascurate la prima colazione! Fate il pieno di energie e non limitatevi al semplice caffè. Una colazione equilibrata (meglio se diversificata durante la settimana) potrà fornirvi le energie giuste per affrontare il viaggio in bici.

Chi frequenta le scuole superiori e ha la fortuna di avere l’istituto scolastico non troppo distante di casa, può decidere di raggiungerlo in bicicletta, pedalata dopo pedalata. In effetti è possibile raggiungere, in bicicletta, anche le scuole più distanti portando con sé la bici in metropolitana… tuttavia questa pratica è consigliata solo a chi dispone di una bici pieghevole perché la bici tradizionale in treno occupa molto spazio e nelle ore di punta (con i vagoni pieni di pendolari) diventa difficile da gestire. Chi intende andare a scuola in bicicletta in piena autonomia, può seguire i consigli visti nell’articolo Come andare a lavoro in bici.

Come trasportare bambini in bici

Le mamme cicliste sono tante, per trasportare i bambini in bici per accompagnarli a scuola, potete scegliere:

  • Seggiolone per bicicletta
  • Cargo traino o rimorchio per bambini
  • Bici a due posti
  • Bicicletta elettrica

Il rimorchio è la soluzione più ingombrante ma consente di trasportare anche due bambini. E’ molto comodo perché può tornare utile per trasportare la spesa in bicicletta, cosa che non è possibile trasportare con le classiche bici a due posti.

bici-trasportare-bambini

Nella foto è mostrato il Rimorchio per bambini che si stacca dalla bicicletta trasformandosi in un carrello porta-spesa o in un passeggino. Il cargo in foto può trasportare bambini fino ai 7 – 8 anni di età perché ha una capacità di carico massima di 35 kg. Questa non è l’unica soluzione di traino per biciclette destinata al trasporto di bambini, altre proposte sono visibili nella pagina ufficiale Amazon: Rimorchio cargo per bambini.

Le biciclette a pedalata assistita sono molto comode per le mamme meno allenate, tuttavia hanno costi d’acquisto più elevati: se intendete trasportare un bambino sulla bici a pedalata assistita, dovete puntare su un modello dalla batteria molto “performante” così da poter supportare il carico di un passeggero extra.

Un altro articolo correlato che potrebbe interessarti relativo a un’iniziativa dedicata ai bambini che devono andare a scuola è Piedibus: di cosa si tratta

Pubblicato da Anna De Simone il 19 settembre 2016