Allevamenti, Galline Ovaiole

Continua la nostra rubrica sulle galline ovaiole. Abbiamo già trattato alcuni argomenti come l’allevamento a terra, in questo articolo abbiamo invece parlato del ricovero e il mangime, in questo post abbiamo anche visto come abituare le galline a rientrare nel pollaio alla sera. Oggi vedremo come si gestiscono i piccoli allevamenti di galline ovaiole.

Allevamenti di Galline ovaiole, come organizzarsi
Per ospitare un gruppo di 10 galline ovaiole e un gallo, è sufficiente un pollaio di dimensioni contenute. Basteranno 4 metri quadrati con base di 2×2 metri. Nel ricovero non dovranno mancare posatoi ma non dovranno occupare più della metà della superficie e sulle restanti parti va posata una lettiera costituita da truciolo di legno o paglia: per la paglia bastano 10 cm mentre per il truciolo ci vorranno almeno 15 cm.

Nel pollaio dovrà essere allestita una mangiatoia lineare o a tramoggia, un abbeveratoio a sifone da 10 litri, posto su una rete di dernaggio e una rastrelliera per erbe e verdure. Nel ricovero va previsto un nido collettivo che per dieci galline ovaiole dovrà avere una base di 50×80 cm e un’altezza di 40-50 cm con apertura da 20-30 cm. Nell’area adiacente al pollaio dovrà esserci una zona destinata al pascolo, questa zona dovrà essere molto larga, di almeno 150 metri quadrati: le galline hanno bisogno di spazio.

Quando si vuole avviare un piccolo allevamento di galline ovaiole bisogna preparare un ricovero idoneo. L’allestimento del ricovero appena descritto è necessario per evitare che le galline depongano le uova tra i cespugli, sul truciolo o tra l’erba durante il pascolo e al contrario disseminano le loro feci nel nido e non dove dovrebbero: sul truciolo! E’ per questo che il nido destinato alla deposizione delle uova deve rimanere chiuso fino a quando le galline ovaiole non hanno raggiunto la loro maturità sessuale.

Allevamenti galline ovaiole, segguerimenti

  • acquistate un box 2×2 e allestitelo a pollaio
  • acquistate 10 galline ovaiole dell’età di circa 5 mesi
  • lasciate le galline chiuse nel pollaio per circa una settimana
  • in questo periodo il nido non deve essere accessibile
  • l’ottavo e nono giorno consentite il pascolo in un recinto
  • al decimo giorno consentite il pascolo libero dal mattino al tramonto
  • dopo un mese aprite il nido, le galline ovaiole inizieranno a deporre le uova e vi regaleranno uova fresche per altri tre anni
  • se le galline non depongono l’uovo nel nido, raccogliete l’uovo e sostituitelo con un vaso o una pietra ingombrante
  • non fate pascolare le galline al mattino, è in questa fase che le galline depongono le uova
  • al settimo mese la produzione di uova dovrà essere di almeno il 30 per cento, ciò significa che potete raccogliere almeno 3 uova al giorno

Pubblicato da Anna De Simone il 13 gennaio 2013