Acqua di mare: benefici

Acqua di mare

Sapore di mare, sapore di sale, è una nota canzone, ma l’acqua, quella di mare, sempre, è un toccasana per molti di noi che soffrono di problemi di circolazione, di pelle o di “naso”. L’acqua di mare, infatti, abbassa la pressione sanguigna, ha proprietà anche antibatteriche, disinfetta ed è perfino in grado, alla faccia della dieta costume, di stimolare il metabolismo. Vedremo come favorisce la circolazione, ci aiuta a respirare meglio ed è ideale anche per chi soffre di reumatismi e dolori articolari, oppure di problemi di tiroide.



Acqua di mare: composizione

Non tutta l’acqua è ricca di benefici come quella di mare, preziosa perché nella sua composizione compaiono alte quantità di sostanze minerali come potassio, magnesio, ferro e iodio. L’acqua marina in un certo senso è complementare all’acqua minerale esistente in natura perché possiede alcuni elementi presenti anche nel nostro organismo: la vitamina E a alcuni microorganismi che rilasciano sostanze antivirali e antibatteriche.

Acqua di mare benefici

Tra i più interessanti benefici c’è quello che riguarda il drenaggio dei liquidi, favorito dall’acqua di mare grazie ad un processo di osmosi. Anche fare il bagno in questa acqua, quindi, regala molti vantaggi sia per la salute della pelle, sia perché ha un’azione vitalizzante, detergente, antibatterica. Non dimentichiamo, poi, che passeggiare con piedi e polpacci in acqua di mare fa molto bene ai muscoli e alla linea.

Acqua di mare isotonica

L’acqua di mare anche inalata fa molto bene, per via della presenza dello iodio che agisce contro le malattie dell’apparato respiratorio. Essendo un elemento volatile, parzialmente solubile in acqua, lo iodio evapora, questo ci richiede quindi non solo di ingerire iodio ma anche di assumerne un po’ dall’esterno, circa 150-200 microgrammi al giorno.

L’acqua di mare risponde a questa necessità, in parte, ed è da combinare con una alimentazione ricca di cibi che iodio: pesce (orate, branzini e saraghi), crostacei e molluschi.

Quando non assumiamo una sufficiente quantità di iodio, possiamo andare incontro a problematiche relative alla tiroide, meglio quindi dedicarci a passeggiate in riva al mare e a cene a base di pesce, per prevenirli.

Acqua di mare

Acqua di mare: pelle

Questa acqua, utile da respirare, agisce anche sulla pelle con il suo potere disinfiammante legato alla presenza di sodio, rame e zolfo. Chi quindi soffre di disturbi dermatologici, come l’eczema, la psoriasi e alcuni tipi di eritemi, può trovare un po’ di sollievo facendo spesso bagni in mare, cogliendo l’occasione anche per migliorare la purezza della propria pelle.

Ci sono numerosi trattamenti di bellezza, infatti, a base di acqua di mare, tra cui la talassoterapia che prevede l’uso di acqua di mare, alghe, sabbia per curare anche reumatismi e dolori muscolari, stress e tensioni. Anche l’aspetto estetico ne esce bene. La talassoterapia, anche con l’acqua di mare, cura infiammazioni di tendini, muscoli e nervi, oltre che le malattie delle vene.

Acqua di mare alle terme

Esistono numerosi trattamenti termali che basano sulle qualità “innate” dell’acqua di mare la propria efficacia, ma non solo. Anche di prodotti di cosmetica ce ne sono tanti, sempre di più: dalle creme alle lozioni, dai prodotti nutrizionali e quelli per curare pelle, capelli e unghie.

Acqua di mare: profumo

Nelle fragranze di brand famosi come in quelle “di serie” e perfino nei gusti di deodorante per ambiente e per auto, spunta spesso l’acqua di mare. Con questo termine si intende un profumo fresco e marino che oltre ad evocare l’idea di un spiaggia e delle vacanze, richiama anche al concetto di pulito.

Acqua di mare

Acqua di mare: prezzo

Per chi volesse sperimentare di persona i benefici dell’acqua di mare, su Amazon è possibile acquistare con 11,80 euro 24m flaconcini Isotonici da 5ml l’uno adatti sia ai neonati, sia ai bambini, sia agli adulti.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 18 maggio 2017