Volpe: caratteristiche e varietà 

volpe rossa

Volpe, quella comune è quella rossa, detta Vulpes vulpes, ed è molto comune tanto da essere uno dei più noti carnivori europei, ma anche simbolo dell’astuzia, della furbizia e della scaltrezza. Oltre a comparire in tutta Europa e anche in parti di altri continenti, sbuca anche tra le pagine di favole e romanzi. Basta pensare alla volpe del Piccolo Principe o a quella che “non vuole l’uva”, perché non ci arriva.



Volpe: caratteristiche

La volpe comune ha un corpo snello, grandi orecchie, muso appuntito volpino e una coda folta che misura dai 30 ai 50 cm. Il tronco va dai 60 ai 90 mentre come peso siamo dai 6 ai 10 Kg. Il pelo è una delle caratteristiche più amabili di questo mammifero che di solito lo ha morbido e color rosso scuro ma non sempre al 100%.

Dipende dalle specie e dalle stagioni, può anche essere che il petto, l’addome e la gola siano grigio-biancastri. Le dita delle zampe e le punte delle orecchie sono nere, la coda rossiccia con sfumature nere, gialle o grigie. La punta della coda può essere bianca o nera.

Per vivere preferisce boschi e zone ricche di nascondigli anche a 2.500 metri e oltre, si ficca negli alberi cavi, sotto cespugli o pietre oppure scava le tane o, meglio ancora, usa quelle del suo amico tasso. E’ in generale un animale solitario e di notte va a caccia di topi, conigli, lepri, uccelli e piccoli rettili. Come è piuttosto noto, se riesce, entra nei pollai e fa stragi.

Volpe italiana

La volpe italiana è la volpe comune, quella rossa di cui abbiamo parlato. E’ diffusa in tutto il paese ma in particolare in Sardegna dove ci sono anche due sottospecie particolari: la Vulpes crucigera e la Vulpes ichnusa. Tanti esemplari si trovano anche nel Parco Nazionale del Cilento e nel Parco Nazionale del Vesuvio. All’estero questo animale è presente in tutta Europa, tranne che in Islanda, e poi in Africa settentrionale, in Asia nelle zone temperate e in America settentrionale.

volpe artica

Volpe artica

Le volpi artiche sono diffuse nelle aree circumpolari, il loro stato di conservazione è buono, tranne in Scandinavia dove sono fortemente a rischio. Il nome scientifico Alopex lagopus ed è una volpe nativa della regione artica, piccola, con orecchie più rotonde della volpe rossa e un peso di circa 4 kg. Ha un corpo robusto ma più piccolo rispetto alle altre volpi, si riconosce dal manto bianco e molto folto, in inverno, ma in estate marrone e “meno pesante”.

Questo animale si ciba principalmente di lemming, ma anche di lepri artiche, uccelli e delle loro uova e pulcini, si riproduce in coppie monogame che danno vita a cucciolate molto numerose: più di 15 cuccioli nei periodi di abbondanza di cibo. Come habitat le volpi artiche scelgono la tundra, soprattutto se bianche, le aree costiere, se con pelo più azzurro.

volpe del deserto

Volpe del deserto

Abita naturalmente nel deserto, la volpe del deserto, in quello del Nord Africa, tranne che sulle sue coste. Il suo reale nome “fennec”, termine che deriva dalla parola araba فنك fanak, che significa “volpe“. Viene chiamata anche “Zerda” dal greco, significa “asciutto”, riferendosi al deserto in cui vive. E’ il più piccolo canide del mondo, infatti pesa solo 1,5 kg, è lungo 40 cm come tronco e poi c’è la coda di 25 cm, ma attenzione che le orecchie possono raggiungere i 15 cm e serve per disperdere il calore.

Il colore del pelo è mimetico, come consistenza è studiato per respingere la luce del sole durante il giorno e a conservare calore durante la notte. La v. del deserto vive in gruppi formati da 10-12 esemplari, caccia in notturna roditori, locuste, lucertole, uccelli, uova e piccoli rettili.

E’ un animale estremamente curioso e intelligente, capita che scompaia di colpo in una delle gallerie che scava nella sabbia ed è per questo che lo chiamano “folletto del deserto“. Ha un carattere schivo, non è facile vederne un esemplare anche girando dalle sue parti.

volpe del deserto

Volpe domestica

Proprio il Fennec è l’unica varietà che si può veramente ritenere parzialmente addomesticabile. Ci sono luoghi dove viene allevati come fosse un cani. Non è però la stessa cosa, lei è per giunta schiva, per cui riesce a scappare molto facilmente, scavandosi un tunnel se necessario. Tenerne in casa una vuol dire dover stare ultra attenti a ogni scappatoia e mettere reti ovunque. Quando si addomestica una volpe, riesce a essere anche piuttosto socievole, con padroni e non, ed estremamente attivi.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 30 maggio 2016