Vista annebbiata: cause e consigli

Vista annebbiata

Un po’ di stress, un calo di zuccheri, e si può avere la vista annebbiata. Non è il caso di allarmarci ma nemmeno di sottovalutare episodi del genere perché le cause possono essere banali quanto invece più gravi. Se siamo in giro e d’un tratto le immagini non ci appaiono più nitide, se non riusciamo a distinguere i dettagli come al solito, cominciamo a farci caso, sia che capiti ad un solo occhio che ad entrambi.



Questo problema si può presentare ad esempio in un momento di forte stress oppure durante il passaggio tra una stagione e l’altra, quando il corpo è chiamato ad adattarsi ad un nuovo clima e non è sempre immediato questo processo. Ci sono anche alcuni difetti alla vista che, tra i vari sintomi, comprendono l’annebbiamento della vista e via via possiamo incontrare anche gravi patologie, anche rare, che hanno questo effetto tra i sintomi. Senza sostituirci ai medici, nella individuazione della causa, facciamo una carrellata di probabili ragioni che si nascondono dietro alla vista annebbiata, consigliandovi, se il problema perdura, di rivolgervi al vostro medico per un controllo.

Vista annebbiata: cause

Ci sono diversi disturbi alla vista che possono farci percepire la vista annebbiata. Se siete miopi, astigmatici o ipermetropi forse lo avete sperimentato di persona, le immagini non sono sempre nitide come vorremmo, anche indossando gli occhiali o le lenti a contatto. Con l’ipermetropia si fa fatica a mettere a fuoco oggetti e persone a noi vicino e, quando la vista si annebbia, si può avere un momento di disorientamento e di affaticamento visivo, chiamato in gergo astenopia. Al contrario quando si è miopi .si vedono sfuocati gli oggetti in lontananza e quando “cala la nebbia” vediamo ancora meno ciò che compare all’orizzonte. Con l’astigmatismo, invece, ciò che accade è che a causa di un’asimmetricità della curvatura della lente dell’occhio, si ha una visione offuscata e distorta degli oggetti alle diverse distanze.

Vista annebbiata: patologie

Se avete la vista annebbiata e non avete fatto di recente una visita oculistica, questa è la prima cosa da fare. Andate appena possibile, per togliere ogni dubbio, dal vostro oculista di fiducia per una visita specialistica. E’ importante individuare le cause della vista annebbiata perché è un segnale che qualcosa non va e non possiamo fare finta di nulla. Questo anche perché ci sono anche dei disturbi ben più gravi che tra i sintomi hanno un annebbiamento della vista come la degenerazione maculare, l’ipoglicemia, l’emicrania, il Morbo di Graves, la sclerosi multipla e naturalmente l’ipertensione arteriosa.

Anche la cataratta può causare una visione offuscata e sdoppiata, oltre alla fotonsensibilità. Più preoccupante, il glaucoma, che comporta dei danni al nervo ottico, causa un annebbiamento improvviso della vista. In questo caso il sintomo è facilmente e dolorosamente percepibile, inoltre gli occhi si gonfiano e si arrossano, le palpebre si deformano e si possono provare sintomi come nausea e mal di testa. Se si hanno in famiglia dei casi di glaucoma, meglio effettuare una visita oculistica compresa di controllo della tensione intraoculare.

Un altro caso che non vi auguro è quello del distacco della retina, causato da un trauma o da una miopia molto forte. Ciò che accade, in questa situazione, è che la retina si separa dal connettivo e non può più offrire al cervello un’immagine adeguata. Ecco perché la vista è annebbiata e offuscata.

Vista annebbiata

Vista annebbiata: consigli

In attesa di comprendere la vera causa del problema, ecco alcune semplici azioni che possono aiutarci, soprattutto se è una situazione momentanea e senza patologie collegate.

  1. Impariamo a leggere con la luce accesa. Consiglio banane? Forse un tempo sì, ci avrebbero presi per matti sentendoci dire una cosa del genere ma oggi non lo è. Con e-book e tablet, smartphone e PC, e il loro schermi illuminati, viene spontaneo spegnere la luce e, in un’atmosfera molto avvolgente, immergersi nella lettura. Affascinante prospettiva, forse apparentemente anche rilassante, ma i nostri occhi ne pagheranno il prezzo. Bruciore, annebbiamento, sensazione di secchezza. Vi è già capitato? In ogni caso, cercate di evitare di leggere su schermi illuminati nel buio. Non è necessario un faretto puntato sulle frasi ma almeno una luce ambientale
  2. Mangiare sano. Anche la nostra dieta influisce sulla vista, eccome, e se non seguiamo un regime alimentare equilibrato e sano, possiamo avere dei problemi. Uno di essi è l’annebbiamento. Per evitare che ciò accada, facciamo il pieno di frutta, verdura, fibre, cereali integrali e alimenti ricchi di omega3 e antiossidanti. Tra gli ingredienti consigliati ci sono anche, curiosamente, lo zafferano che protegge la retina dagli effetti del passare degli anni, e il mirtillo che agisce sulla microcircolazione a livello oculare favorendola. Nota a tutti come la verdura della vista, oltre che dell’abbronzatura, c’è poi la carota, ricca di betacarotene che si trasforma in vitamina A. Non dimentichiamoci di bere molta acqua, non solo in estate, perché se il corpo è idratato, i nostri occhi sono lubrificati.
  3. Giocare all’aria aperta. Per i più piccoli o per chi ha ancora il tempo e il fisico per giocare. Anche chi non gioca, ma passa molto tempo in ufficio, può trovare il modo di trascorrere qualche ora in più all’aperto. Questo permetterà alla vista di spaziare in lontananza, gli occhi si affaticheranno meno e potranno allenarsi alla profondità di vedute, in ogni senso.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebook e Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 12 Giugno 2019