Uricemia alta, tutto quello che devi sapere

uricemia alta

Alti livelli diacido uricosono responsabile dell’uricemia alta. Ma cosa significa questo valore e quali sono i livelli normali? Ecco tutto quello che devi sapere se, nelle ultime analisi del sangue, hai riscontratouricemia alta.

La quantità di acido urico nel sangue è detta uricemia. Quanto tali valori sono elevati, si parla diiperuricemia. Se, al contrario, tali livelli sono bassi, si parla di ipouricemia ouricemia bassa.

L’iperuricemia colpisce prevalentemente il sesso maschile in una fascia di età compresa fra i 30 e i 50 anni.

Acido urico: cos’è

L’acido urico è una molecola prodotta dal metabolismo proteico e dalle purine. A condizionare fortemente i livelli diacido uricoè la nostra alimentazione, tuttavia anche lo stato di salute del nostro organismo può giocare un ruolo fondamentale.

Se hai notatouricemia alta, meglio se ti rivolgi al tuo medico di fiducia per analizzare in dettaglio questo valore.

L’uricemia alta può verificarsi in due contesti:

  • in caso di eccessiva produzione
  • eliminazione insufficiente

Un elevata percentuale dell’acido urico presente nell’organismo viene espulsa attraverso le urine, la restante frazione viene degradata nel tratto gastrointestinale.

La presenza di acido urico, protratta nel tempo, può causaregotta. Tale condizione presenta ilsintomocaratteristico di infiammare le articolazioni. L’infiammazione delle articolazioni è legata alla formazione di cristalli di acido urico nel liquido articolare.

In caso diacido urico alto, tali eccessi si possono accumulare anche nei reni causandocalcoli renalie o insufficienza renale con conseguente albumina alta.

Uricemia alta: cause

Come premesso, si può avere un problema diuricemia altasia in caso di eccessiva produzione che di problemi legati all’eliminazione. In sintesi, perché l’uricemia aumenta? Le cause possono essere molteplici. Tra le più comuni:

  • Un aumento della sintesi delle purine
  • Malattie metaboliche
  • Eccesso di assunzione di purine nella dieta
  • Farmaci citotossici
  • Insufficienza renale cronica
  • Problemi al rene
  • Aumentato riassorbimento renale
  • Alcune forme di tumore
  • Diabete mellito
  • Glicogenosi di tipo 1

In caso diuricemia alta, è necessario farsi monitorare dal medico, soprattutto per individuare eventualisintomidella gotta. Uricemia alta espone a un incrementato rischio di problemi al rene.

E’ stato poi riscontrato che in circa l’80% dei pazienti con livelli di trigliceridi sierici elevati, si verifica un aumento diacido urico.

Altre cause che possono indurreuricemia altasono:

  • Abuso di alcol
  • Anemia
  • Digiuno protratto
  • Disidratazione
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Insufficienza renale
  • Ipotiroidismo
  • Ipoparatiroidismo
  • Linfoma
  • Leucemia
  • Malnutrizione
  • Nefrite e altri problemi al rene
  • Policitemia
  • Alimentazione ricca di purine (pesce azzurro, frattaglie, crostacei, legumi e carni)
  • Farmaci diuretici

L’elenco dellecauseè solo parziale. Il valore, infatti, può aumentare anche in caso di psoriasi e altre malattie autoimmuni. E’ sempre importante valutare i risultati degliesami del sanguein base alla propria storia medica.

Sintomi

In caso di assenza disintomisi parla diiperuricemia asintomatica, tale condizione potrebbe essere legata a fattori ereditari e non richiedere alcun trattamento. E’ indispensabile il parere medico.

In altri casi, isintomipiù frequenti dell’uricemia altasono:

  • dolori articolari
  • prurito
  • articolazioni gonfie
  • coliche renali
  • quadri clinici di insufficienza renale
  • ipertensione arteriosa (pressione alta)
  • articolazioni arrossate

Cosa fare in caso di uricemia alta? E’ necessario attenersi alle indicazioni del medico. In genere, si chiede al paziente di ridurre significativamente l’impiego di cibi ricchi di purine, eliminare l’assunzione di alcol e aumentare l’idratazione dell’organismo. L’apporto maggiore d’acqua aiuterà ad abbassare i livelli di acido urico nel sangue ma anche a preservare la funzione renale, dato che i reni sono più a rischio di calcoli.

Alimenti da evitare in caso di acido urico alto

  • brodo di carne
  • sughi di carne
  • formaggi grassi e fermentati
  • acciuga, anguilla, aringa, cefalo, crostacei, mitili, sarago sarda, sardina, sgombro, tonno, triglia
  • uova di pesce
  • anatra cervello, cuore, fegato lepre, oca, maiale piccione, rognone, selvaggina,
  • altre frattaglie come trippa, ed estratti di carne
  • salumi, insaccati e alimenti conservati
  • asparagi, cavolfiore, lenticchie, funghi secchi, melanzane, peperoni, piselli
  • castagne, cocomero, datteri, nespole, mandorle, prugne, frutta secca,
  • olio, strutto, lardo, cucinati o fritti
  • salse aromatiche o piccanti
  • tè e caffé forti
  • vino a elevato tasso alcolico, birra, liquori

Quali sono gli alimenti consentiti?

Come premesso, ladietagioca un ruolo fondamentale nel mantenere stabili i livelli di acido urico. Gli alimenti che si possono consumare sono:

  • pasta e riso non integrale, grissini, crackers,
  • fette biscottate, cereali
  • brodo vegetale
  • formaggi come asiago, bel paese, crescenza, fior di latte, fontina, mozzarella,
  • ricotta, scamorza
  • barbabietole, bietole, broccoli, carciofi,
  • cardi, carote, cavolini di bruxelles, indivia,
  • insalata, lattuga, patate, pomodori,
  • rape, zucca, olive,
  • albicocche, arance ,
  • ciliegia, mele, melone, pere,
  • pesche,
  • noci
  • olio d’oliva con moderazione
  • burro e margarina solo in piccole quantità
  • aceto
  • acque oligominerali

Pubblicato da Anna De Simone il 29 Gennaio 2019