Suffumigi all’aceto: un antico rimedio naturale ancora efficace

suffumigi

Quelli che interessano le vie respiratorie sono tra i disturbi più diffusi nella popolazione, complice anche il crescente livello di inquinamento delle nostre città. Quando se ne presenta la reale opportunità, prima di intervenire con farmaci chimici, si può cercare di ridurre questo genere di disturbi ricorrendo ad alcuni rimedi naturali. Tra questi rientrano i suffumigi, noti anche come fumenti. L’azione del vapore acqueo aiuta infatti a liberare le vie respiratorie, favorendo lo scioglimento del catarro.



I suffumigi possono essere perciò considerati tra i rimedi naturali più indicati per combattere tosse, mal di gola, raffreddore e sinusite. Ciò vale in particolar modo se all’acqua calda vengono abbinati altri ingredienti anch’essi di origine naturale, come l’aceto.

Origini dei suffumigi

La suffumigazione è una pratica dalle origini antiche basata sulla riduzione di una sostanza in fumi o in vapori a scopo disinfettante o terapeutico. Se ne faceva uso già all’epoca dei romani.

La tecnica su cui si fondano i suffumigi è piuttosto semplice: l’area del corpo da trattare viene posta al di sopra di un recipiente che contiene una specifica sostanza in infusione a caldo. Partendo da questa tecnica, perciò, per liberare le vie respiratorie attraverso i suffumigi è sufficiente coprirsi il capo con un panno, così da non far disperdere il vapore, inalando e respirando i fumi che provengono dal recipiente.

Come fare i suffumigi all’aceto

La tecnica per effettuare dei suffumigi all’aceto è di facile realizzazione. È la stessa che ci è stata tramandata dalla nostre nonne o dalle nostre mamme. Per fare dei suffumigi all’aceto è infatti sufficiente mettere a bollire dell’acqua in una pentola, aggiungendo dell’aceto. Il quantitativo di aceto da versare è di cinque cucchiai ogni tre litri d’acqua.

I vapori vanno successivamente respirati per cinque-dieci minuti circa, mettendo un panno in testa in modo da evitare la loro dispersione. Per poter ottenere il sollievo desiderato, contribuendo a liberare le vie respiratorie, è d’altronde importante che i vapori che fuoriescono siano inalati profondamente. La pratica va ripetuta due volte al giorno, possibilmente mattina e sera.

Benefici dei suffumigi all’aceto

Svariati studi rilevano i benefici dei suffumigi all’aceto. È stato riscontrato il loro effetto decongestionante, essendo essi capaci di favorire lo scioglimento del catarro. In presenza di mal di gola, i suffumigi all’aceto aiutano inoltre a calmare l’infiammazione, agendo come blando antibatterico.

Un recente studio ha evidenziato come l’aceto possa essere un alleato persino nel trattamento del Covid-19. La ricerca in questione, intitolata Acetic acid disinfection as a potential adjunctive therapy for non-severe COVID-19 valuta l’effetto dell’acido acetico, la componente attiva dell’aceto, come potenziale agente disinfettante per le vie aeree superiori.


Nella valutazione sono stati condotti dei test su due gruppi di pazienti affetti da Coronavirus in forma non severa. Nel primo gruppo, costituito da quattordici pazienti, si è proceduto con una cura standard. Nel secondo gruppo di quindici pazienti è stata invece somministrata dell’idrossiclorochina, accompagnandola con l’inalazione di acido acetico a una concentrazione pari al 0,34%. Dopo due settimane dall’inizio del trattamento, nel secondo gruppo si è registrato un miglioramento della sintomatologia maggiore rispetto al primo gruppo.

Malgrado siano necessari ulteriori approfondimenti, lo studio pone comunque in rilievo come l’acido acetico costituisca un supporto nel trattamento di infezioni riguardanti le vie respiratorie.

Kuvirinflu

KovirunFlu Suffumigi: modalità d’uso e benefici

A disposizione di tutti noi esistono diversi prodotti con principi attivi naturali da utilizzare per effettuare suffumigi decongestionanti e calmanti. È il caso di KovirunFlu Suffumigi, dispositivo medico da somministrare per via inalatoria sotto forma di suffumigi.

Il prodotto contiene timo bianco, eucalipto, menta e pino, utili per il benessere di naso e gola. Presenta inoltre aceto naturale, così da assicurare un’azione acidificante. Dal suo utilizzo si possono quindi ottenere benefici analoghi a quelli offerti dai suffumigi all’aceto, a cui si aggiungono gli effetti positivi derivanti dagli altri ingredienti naturali contenuti in esso.

Nel dettaglio, KovirinFlu Suffumigi è in grado di:

  • agire sulle mucose dell’albero respiratorio limitando il contatto con gli agenti irritanti, grazie a un effetto barriera;
  • di fluidificare il muco;
  • di svolgere un’azione balsamica, emolliente e lenitiva.

Siamo perciò di fronte a un valido coadiuvante nel trattamento dei diversi sintomi associati a problematiche respiratorie.

Quali sono invece le modalità d’uso di KovirinFlu Suffumigi?

Basta versare 35 millilitri di prodotto in 500 millilitri di acqua bollente, utilizzando l’inalatore Kuraflu o una bacinella. Occorre poi respirare i vapori per circa dieci minuti, ripetendo il trattamento fino a due volte al giorno.

KovirinFlu Suffumigi è in vendita anche su Amazon, in questa pagina.

Pubblicato da Matteo Di Felice, Imprenditore e Managing Director di IdeeGreen.it, Istruttore di corsa RunTrainer certificato e appassionato di Sostenibilità, il 31 Marzo 2021