Rana di vetro dalle macchie bianche

Rana di vetro

Rana di vetro, non è un soprammobile ma un animale vero e anche a rischio di estinzione poiché l’ambiente in cui vive è ogni giorno sempre più in uno stato di degrado. In questo c’è lo zampino dell’uomo, e la rana di vetro, appena scoperta, davvero di recente, rischia di scomparire, come una comparsa nella nostra esistenza, altro che rana domestica. Sarebbe un peccato, cominciamo a conoscerla e capire anche come salvare lei e il pianeta che con questa specie e molte altre, noi tutti condividiamo.



Rana di vetro dalle macchie bianche

La si chiama anche rana di vetro dalle macchie bianche, il suo nome scientifico è però “Hyalinobatrachium pellucidum” ed è un anfibio anuro appartenente alla famiglia Centrolenidae. “Dalle macchie bianche” non è un modo di dire: questa rana ha una pelle così trasparente per via della mancanza di pigmento, che attraverso di essa possiamo addirittura scorgere i suoi organi interni. E’ sorprendente, sembra quasi finta, ma è vera.

La rana di vetro è una specie endemica dell’Ecuador, il suo habitat naturale, quello che stiamo rovinando mettendola in pericolo, è costituito da foreste umide tropicali o subtropicali.

Rana di vetro

Rana di vetro: foto 

Non è semplice trovare foto di questa rana, anche perché vive solo dalle sue parti e non la si trova facilmente. Possiamo crearle una sorta di avatar con una rana in vetro di Murano se questo può aiutare a ricordarci di salvare lei e tutti gli altri animali a rischio di estinzione.

Una miniatura di rana in vetro di Murano da collezione su Amazon può costare 12 euro e fa la sua figura, colorata e brillante.

Rana di vetro

Rana di vetro: caratteristiche

Oltre ad avere la pelle quasi trasparente, come fosse di vetro, la rana che stiamo descrivendo ha altre caratteristiche che la rendono peculiare e, a maggior ragione, da conoscere e proteggere.

Quando depone le sue uova, sceglie di farlo sulle foglie o su delle rocce che siano in prossimità di corsi d’acqua, sopra i corsi d’acqua. Come mai? Perché una volta che avviene la schiusa, nella stagione delle piogge, le larve se le uova erano nella vegetazione, cadono in acqua direttamente, se le uova erano sulle rocce, insieme ai detriti vengono trascinate dall’acqua.

Come altre specie simili, quali per esempio Centrolene audax, Centrolene azulae e Centrolene gemmatum, anche la rana di vetro è in pericolo di estinzione vivendo in un ambiente non particolarmente protetto.

Rana di vetro

Rana di vetro: dimensioni

Pur non essendo un soprammobile, le dimensioni sono simili: questi anfibi hanno piccole dimensioni, massimo misurano 8 cm di lunghezza, al variare delle numerose varietà, possono essere più o meno grandi, ma sempre piccole! Al di là di ciò che mangiano, e dell’alimentazione dei rettili in generale, l’ordine di grandezza resta questo

Se ne trovano diverse nelle aree boscose di alcune aree nordorientali dell’America Centrale, anche fino a quote molto elevate, nonché nei Paesi più settentrionali del Sudamerica, la maggior parte vive in Ecuador.

Rana di vetro: Amazzonia

Non particolarmente note né apprezzate, queste rane sono tornate alla ribalta per via della scoperta recente di una nuova specie con il classico ventre completamente trasparente e il sistema cardiocircolatorio ben in vista. Sempre in Ecuador, nella pianura amazzonica, vive anche la Hyalinobatrachium yaku, lunga un paio di centimetri, che a differenza delle altre rane di vetro mostra un grado di trasparenza che consente di seguire anche il passaggio del sangue attraverso il cuore che batte.

Oltre a questa particolarità, l’ultima arrivata, ha anche dei puntini scuri sulla pelle del dorso e uno strano comportamento riproduttivo che vede i maschi più attivi del previsto, impegnati sia a lanciare richiami sonori nel momento dell’accoppiamento, sia responsabili delle uova fino alla schiusa.

Sempre dall’Amazzonia, arriva anche la Rana freccia, la conoscete? 

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 10 aprile 2018