La manutenzione dell’impianto solare termico

manutenzione solare termico

Manutenzione impianto solare termico: istruzioni su come pulire e garantire la corretta manutenzione ai pannelli solari termici.

Prima di interrogarvi su come operare la corretta manutenzione dell’impianto solare termico, ponetevi dei quesiti preliminari. Dove sono installati i pannelli solari termici: il tetto presenta possibilità di facile accesso? Al momento dell’installazione dell’impianto solare termico sono stati lasciati gli opportuni spazi per poter provvedere alla periodica manutenzione? Se le risposte sono negative, vi converrà affidarvi a una ditta specializzata. E’ vero che la manutenzione dei pannelli solari termici è fondamentale ma lo è ancora di più la vostra sicurezza. Se le condizioni sono avverse contattate l’installatore e fatevi stilare un preventivo per svolgere la manutenzione ordinaria dell’impianto; in genere, con stilando una serie di appuntamenti fissi, riuscite a strappare grossi sconti in caso di riparazione di gusti legati all’impianto solare. Dopo questa doverosa premessa, passiamo alle linee guida per la manutenzione di impianti solari termici.

Manutenzione dell’impianto solare termico

Ispezione visiva dei pannelli solari termici, cosa osservare

collettori solari vanno controllati spesso con una semplice ispezione visiva: fate attenzione a individuare deformazioni sulle piastre assorbenti, parziali rotture del sigillante o presenza di ostruzioni.

I collettori solari sono dotati di piccoli fori sul vetro di copertura che giustificano la presenza di una lieve condensa nelle prime ore del mattino. L’anomalia si verifica se la quantità di condensa è eccessiva: se vi è una forte presenza di condensa al di sotto del vetro del pannello solare termico, è evidente che le giunzioni non sono più sigillate come dovrebbero e bisognerà intervenire con un’operazione ad hoc.  Se la piastra assorbente appare deformata o distaccata dal suo supporto, vi sarà una forte perdita di efficienza e anche in questo caso bisognerà intervenire con opere di manutenzione straordinaria.

Anche la presenza di crepe superficiali o rotture può essere verificata con un’ispezione visiva.

Come è chiaro, l’ispezione è il primo strumento di manutenzione che abbiamo: è necessario intervenire prontamente per non avere grosse perdite di efficienza o ripercussioni sull’intero impianto.

Lavare i pannelli solari termici

In caso di pannelli solari termici sporchi, potete seguire la nostra guida e i consigli sulla pulizia dei pannelli solari fotovoltaici:  lavare pannelli fotovoltaici. La superficie in vetro dei pannelli solari termici e dei pannelli solari fotovoltaici si pulisce in egual modo. E’ sempre sconsigliato l’impiego di detergenti chimici.

Perdite di fluido dall’impianto solare termico

Nel circuito primario, un impianto solare termico raggiunge temperature che possono spingersi oltre i 100-150 °C. Temperature così elevate, a lungo andare, possono usurare le diverse componenti dell’impianto. Verificate la resistenza delle valvole, delle saldature, del sigillante della pompa e degli altri componenti coinvolti. Se notate la perdita di fluido, è consigliato soprattutto di controllare i tratti di raccordo delle tubazioni che rappresentano l’anello più debole del circuito.

Le perdite di fluido, con una maggiore precisione, possono essere verificate dalla verifica del valore della pressione che dovrà corrispondere a quella di progetto dell’impianto.

Interventi di manutenzione specializzati

Se i controlli di manutenzione segnalati fino a ora sono alla portata di tutti, vi sono degli interventi da assegnare, preferibilmente a personale esperto. Tali interventi di manutenzione andrebbero eseguiti almeno una volta all’anno.

Una volta all’anno e dopo 6 mesi dall’installazione dell’impianto solare termico, andrebbe verificata la portata del fluido termovettore: eventuali riduzioni potrebbero essere sintomo della presenza di depositi di calcare o di altre ostruzioni del circuito.

E’ necessario verificare l’assenza di aria nel circuito: se sentite rumori nelle tubazioni bisognerà agire sulle valvole di sfiato che faranno fuoriuscire le bolle d’aria.

I componenti più sensibili dell’impianto solare termico che dovrebbero essere ispezionati con maggiore attenzione, sono la membrana del vaso di espansione e le valvole (di sfiato e di sicurezza).

E’ importante verificare lo stato e la composizione del fluido termovettore, soprattutto se questo è costituito da una miscela di acqua e antigelo. La verifica prevede un controllo della quantità di glicole antigelo e l’acidità della soluzione che non dovrebbe essere mai acida/corrosiva, quindi con un pH pari o superiore a 6.6.

E’ chiaro che la manutenzione dell’impianto solare termico non sempre può essere svolta in piena autonomia, soprattutto quando si tratta di ispezioni e controlli specifici. Il costo della manutenzione di un impianto solare termico è molto accessibile. Per un impianto solare termico domestico con una superficie di 5 m2 il costo stimato della manutenzione è compreso tra i 50 e i 100 euro all’anno.

Pubblicato da Anna De Simone il 29 gennaio 2016