Mani spellate: cause e rimedi

Mani spellate

Più spesso in inverno, ma anche in estate, le mani spellate possono essere un problema sgradevole, sia dal punto di vista fisico che psicologico. E’ un disagio perché la mani sono proprio il punto di contatto con gli altri, sono una delle parti del corpo più visibile e più utilizzata. E’ meglio cercare di evitare che si rovinino e che diventino impresentabili e irritabili. Come andremo a vedere ci sono delle cause esterne, legate al clima e all’ambiente, ma anche delle cause meno immediate e che chiamano in causa il nostro stile di vita e la nostra salute.



Mani spellate: cause

Quando le mani si rovinano a causa delle condizioni esterne, spesso è tutta colpa della mancanza di umidità che si registra all’interno delle cellule della nostra pelle. Ciò accade ad esempio quando il clima è troppo secco, l’aria è troppo asciutta e finisce per far diventare la cute secca.

Anche le nostre abitudini possono essere all’origine di questo problema, ad esempio chi si lava le mani troppo spesso per assurdo può rovinarsele rendendole più secche che mai. Questo accade perché le gocce anche invisibili di acqua che restano sulla superficie delle nostre mani con l’aria evaporano e così sottraggono umidità alla nostra pelle.
Altre cause della spellatura delle mani sono ad esempio le forti scottature oppure condizioni patologiche l’eczema.

Mani spellate: prevenzione

Note le cause di questo problema, ora possiamo individuare al meglio ciò che c’è da fare per avere delle mani morbide ed idratate. Come spesso accade, vale la regola “meglio prevenire che curare”, vediamo quindi come prevenire ed evitare così la disidratazione e la comparsa di screpolature, quella da cui poi hanno origine le mani spellate.

Appena vediamo che la pelle delle mani è un po’ secca e screpolata, interveniamo subito utilizzando della semplice crema idratante e ricordiamoci di bere moltissima acqua per far aumentare i livelli di umidità nella pelle. Se riusciamo, idratiamoci con l’acqua e non con altre bevande che possono essere utili per altri motivi ma non in questo frangente.

Come abbiamo visto anche prima, lavarsi le mani spesso non serve a nulla, anzi, serve a procurarsi le mani spellate, evitiamo quindi di farlo troppo spesso. Certo non si può eliminare del tutto questa azione, cerchiamo quindi di lavarci le mani nel modo migliore per la nostra pelle ovvero utilizzando acqua non troppo calda e ricordandoci di asciugare le mani molto bene.

Anche la scelta del sapone è decisiva. Se optiamo per un prodotto non di qualità possiamo distruggere gli oli protettivi della pelle, meglio quindi controllare che il nostro sapone sia neutro e non aggressivo.

Magari non ogni volta, ma almeno ogni tanto sarebbe utile spalmare sulle mani della crema idratante che serve per restituite alla pelle l’umidità persa durante il lavaggio. Anche in questo caso scegliamo una crema di qualità. Se facciamo un lavoro che ci costringe a bagnare le mani spesso, però, è meglio proteggersi anche con dei guanti.

Mani spellate

Mani spellate: sintomi

Le mani spellate possono essere un fastidio ma non solo, possono anche causare ulteriori problemi. Ad esempio spesso sono accompagnate da arrossamenti e irritazioni, la pelle se trascurata può anche arrivare a desquamarsi, a prudere e a screpolarsi. Se si creano delle micro-ferite può diventare pericoloso a causa di infezioni.

Mani spellate: rimedi

Se non abbiamo preso le adeguate precauzioni e ci ritroviamo con le mani spellate, dobbiamo rimboccarci le maniche e cercare di fare il possibile per guarire presto in modo da limitare la sofferenza, il disagio e il rischio di desquamazioni e ferite.

La guarigione non è immediata, ci vuole pazienza perché le cellule della pelle hanno il loro tempi, devono essere sostituite da altre e tornare e respirare in modo sano. Esistono però degli accorgimenti che ci permettono di limitare i tempi e di tornare presto a poter stringere la mano a chi incontriamo con serenità.

Tra i vari rimedi casalinghi c’è quello a base di latte. Lo si riscalda, lo si versa in un contenitore abbastanza grande e vi si immergono le mani nel latte per qualche minuto, facendo attenzione a non ustionarsi. Ripetendo questa operazione una volta al giorno con costanza, tutto dovrebbe passare.

Le sostanze esfolianti possono aiutare ad eliminare le cellule morte che restano sulla superficie della pelle ma poi vanno utilizzate delle creme idratante per le mani, a base di olio di mandorla, olio dell’albero del te e olio di sesamo, ad esempio.

La paraffina viene spesso utilizzata per combattere le mani spellate ed è infatti spesso contenuta in prodotti che riducono la condizione di secchezza e la presenza di screpolature. Questa sostanza serve per mantenere l’umidità all’interno delle cellule della pelle e la fanno tornare morbida. Anche la vaselina può tornare utile sia per prevenire che per curare la secchezza della pelle e le screpolature. Data la sua consistenza, è meglio applicarla prima di andare a dormire, in modo da svegliarsi con le mani in condizioni migliori.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebook e Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 2 Aprile 2019