Il lavaggio dei pannelli fotovoltaici

Ad occuparsi del lavaggio dei pannelli fotovoltaici, il più delle volte, sono le precipitazioni. La pioggia pulisce i pannelli fotovoltaici ma talvolta non spazza via tutte le polveri e le foglie che riducono la superfice attiva, è a questo punto che l’utente deve provvedere al lavaggio e alla manutezione del sistema.

Il lavaggio dei pannelli fotovoltaici deve essere più frequente in aree agricole e in zone di campagna. Qui gli accumuli di foglie, pollini, polveri ed escrementi di volatili possono limitare l’efficienza dei pannelli. Gli accumuli interessano inizialmente il modulo di fondo o la struttura del collettore dove si depositano vegetali come alghe e licheni che a loro volta trattengono la polvere atmosferica usandola come mezzo di coltura. Le foglie rappresentano un elemento di particolare disturbo in termini di performance per via delle loro dimensioni molto estese. Per contrastare questo problema si possono installare delle spazzole con setole morbide e flessibili.

In assenza di particolari attrezzature, il lavaggio dei pannelli fotovoltaici va operato utilizzando un panno in cotone e acqua. Solo se è strettamente necessario è possibile utilizzare dei detergenti appositi o saponi estremamente delicati. Il lavaggio dei pannelli solari può essere effettuato utilizzando la classica spugna con manico che si utilizza per il lavaggio dei vetri.

Il lavaggio dei pannelli fotovoltaici non rappresenta l’unica opera di manutenzione da effettuare. Chi utilizza energia rinnovabile per la casa dovrà monitorare costantemente il rendimento dell’impianto. Esistono strumenti di monitoraggio che mostrano all’utente la quantità di energia prodotta, l’irraggiamento e la temperatura. In assenza di questi strumenti di monitoraggio, l’utente potrà confrontare il rendimento del proprio impianto con i valori degli impianti presenti nel territorio circostante.

I proprietari di impianti solari hanno il dovere di eseguire ispezioni visive così da individuare eventuali fratture sui pannelli: niente lede di più all’efficienza di un impianto se non un pannello rotto! Per evitare che si arrivi a situazioni così drammatiche, è opportuno effettuare almeno una volta all’anno un controllo approfondito a opera di tecnici professionisti.

Per il lavaggio dei pannelli fotovoltaici è tassativamente vietato…
Nell’operare il lavaggio dei pannelli solari è vietato utilizzare spugne abrasive, diluenti e altre sostanze pulenti particolarmente aggressive. E’ sconsigliato l’utilizzo di detergenti domestici, inoltre, per la pulizia dei pannelli non vanno utilizzati strumenti per il lavaggio a pressione.

Pubblicato da Anna De Simone il 26 maggio 2013