Ecobonus, efficienza energetica e bollette

Ecobonus efficienza energetica

Ecobonus, efficienza energetica e bollette sono tra gli argomenti di cui si parla di più dopo i rincari sulle tariffe di luce a gas annunciati dall’Autorità per l’energia. Le previsioni meteo di un inverno polare aggiungono il carico e forse è davvero il momento di muoversi.

Migliorare l’efficienza del riscaldamento e dell’illuminazione di casa, usufruire degli sgravi fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e spuntare un buon contratto di fornitura per elettricità e metano sono tre mosse che possono far risparmiare parecchi euro in un anno. Efficienza e risparmio sono concetti diversi, ma l’efficienza porta al risparmio.

Ecobonus. Gli sgravi fiscali per le ristrutturazioni edilizie che vanno a migliorare l’efficienza energetica sono confermati per tutto il 2015. L’ipotesi annunciata dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Enrico Morando è che vengano mantenuti fino al 2017, con una probabile riduzione delle percentuali (oggi 50-65%) a partire dal 2016. Trovate le info sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

Efficienza energetica: l’attenzione sale. Indipendentemente dagli ecobonus, pare che 6 italiani su 10 spenderebbero volentieri 100 euro per migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione e 3 su 10 arriverebbero a 500 euro per vedere dei risultati. Non è un grande budget, ma qualcosa si può fare. Per esempio sostituire le lampadine tradizionali a incandescenza con lampade a LED, oppure installare valvole termostatiche sui termosifoni. Per coibentare l’edificio bisogna spendere di più ed è soprattutto a questo che servono gli sgravi fiscali. Peccato che il 54% dei consumatori ignori ancora l’esistenza degli ecobonus.

Bollette luce e gas. Se le persone si interessano tanto all’efficienza energetica è perché vogliono risparmiare sulle bollette. Anche l’attenzione per l’ambiente e il confort abitativo hanno la loro importanza, ma il driver è il portafoglio. Eppure l’informazione è lacunosa: un sondaggio di EMG Acqua commissionato da Veronafiere rivela per esempio che il 34% degli italiani non sa che luce e gas si pagano meno il fine settimana, e un giovane su tre ignora l’esistenza della certificazione energetica per le case e non sa leggere l’etichetta degli elettrodomestici a basso consumo.

Quasi un italiano su due (45% secondo il sondaggio) non conosce la differenza tra efficienza energetica e risparmio, ma questo è niente perché le certezze sono ancora meno quando si parla delle figure a cui rivolgersi per interventi in efficienza energetica. Solo il 25% degli intervistati pensa a degli esperti, per il resto i punti di riferimento restano amici, parenti, Internet e i fornitori di luce e gas. A proposito di questi ultimi, per scegliere il miglior fornitore partendo dal proprio profilo di consumo potete usare il comparatore di tariffe di IdeeGreen.

Se vuoi saperne di più leggi Ecobonus Domotica

Pubblicato da Michele Ciceri il 9 Ottobre 2014