Dropshipping per animali

Dropshipping

Dropshipping, una delle tante parole che ci arrivano per le mani, in bocca e per le orecchie direttamente dal vocabolario inglese e non è sempre semplice comprendere il significato e il contesto in cui vanno inserite. In questo caso si parla di prodotti per animali, come da titolo, ma con la parola dropshipping per animali si intende qualcosa di molto più ampio che nella seconda parte dell’articolo andremo a vedere.



Dropshipping animali: cosa è

Il Dropshipping è la formula di vendita grazie alla quale è possibile commercializzare dei prodotti senza averli fisicamente in magazzino. Cosa centrano gli animali? E i prodotti a loro destinati? Sono una delle tante tipologie di oggetti e accessori che possono essere commercializzati in questo modo perché hanno tutte le caratteristiche che servono.

Come funziona? Dopo la conclusione della vendita si inoltra l’ordine al proprio fornitore che provvederà poi alla spedizione del pacco al cliente finale. Cosa ha di diverso dal solito modello? Come vedremo fra poco in questo caso da venditore compri solo ciò che hai già venduto e servi il tuo cliente senza pensare alla spedizione dei prodotti, a cui pensa il tuo fornitore in maniera totalmente anonima.

Il dropshipper è il fornitore perché è colui che spedisce materialmente direttamente all’utente finale mentre il venditore in questo passaggio non risulta coinvolto. E allora cosa fa il venditore? Vende, non materialmente ma sta a lui tutta l’opera di vendita intesa come la serie di azioni che vanno dal promuovere al far conoscere il prodotto fino al convincere il cliente finale fino a quando non si dice convinto dell’acquisto. Solo ad acquisto effettuato entra in gioco il dropshipper. Il venditore, grazie a questa figura, non ha da gestire nessun magazzino e neppure le varie incombenze legate ai processi di imballaggio e spedizione.

Dropshipping animali: prodotti

Dropshipping animali: prodotti

I prodotti per animali possono essere oggetto di queste procedure di vendita e uno degli esempi che più mi viene da ipotizzare è quello relativo al cibo secco per cani. Ne ho avuta io stessa esperienza, da cliente, non da venditrice né da dropshipper, certo, Non è stata una brutta esperienza nel mio caso ma non saprei e non voglio generalizzare. E’ un meccanismo di vendita e il giudizio è molto legato alla qualità del prodotto e all’onestà dei protagonisti.

Se tutto funziona bene, il cliente paga prezzi vantaggiosi e ci sono dei benefici sia lato venditore sia lato fornitore. Dal punti di vista di chi vende prodotti per cani o gatti in questo modo, c’è il vantaggio di potersi creare un’attività di vendita senza necessità di investire capitali e nemmeno di dover allestire o addirittura comprare degli spazi per il magazzino. Per non parlare della eventuale necessità di dover prendere anche dei dipendenti, cosa che non sarebbe un male ma vanno poi pagati, messi in regola e gestiti e non tutti sono in grado di farlo correttamente.

Un venditore tramite dropshipping può vendere sia personalmente che attraverso siti internet di commercio elettronico o di aste online, può inventare tutte le strategie per vuole, basta restare nella legalità, per convincere nuovi clienti a rifornirsi da lui.

Anche il fornitore ha i suoi vantaggi perché è vero che ha il magazzino e l’incombenza di dover spedire il prodotto per animali quando il venditore conclude un accordo, ma da un altro punto di vista questo del dropshipping è per lui un canale di vendita aggiuntivo che può far quadrare il bilancio nel vero senso della parola. In questo modo, una persona che già vende di suo in una certa zona o in un certo mercato, con lo dropshipping riesce ad avere una maggiore capillarità di penetrazione dei mercati sia tradizionali che online.

Dropshipping animali: prodotti

Dropshipping in Italia

In giro per il mondo il dropshipping è piuttosto noto e le persone utilizzano i vantaggi che offre in modo disinvolto, soprattutto nei paesi anglosassoni, in Italia siamo rimasti indietro e c’è ancora molta diffidenza in merito a questo meccanismo. Sono ancora molto poche le aziende del made in Italy che sono in grado di offrire il servizio di drop ship, ampliando, così, l’offerta di prodotti disponibili con tale sistema.

Non si devono nascondere i rischi legati a questa pratica, ci sono eccome, ma non sono maggiori dei rischi dell’aprire una attività commerciale di tasca propria. Questo articolo non vuole né incoraggiare né scoraggiare nessuno, ma è utile che si conosca questa possibilità di realizzare una attività in proprio guadagnando onestamente grazie ad una triangolazione efficace. Che siano poi dei prodotti per cani o un altro tipo di merce, questo poco importa ai fini di chi sta vendendo e di chi sta comprando.

Chiaro che se ci si mette a vendere e promuovere dei prodotti per animali sarebbe meglio se li si amasse e se ne avesse qualcuno tra le stanze in modo da poter trovare subito una certa sintonia con il cliente, Quella complicità, intendo, che unisce anche persone sconosciute che hanno in comune il fatto di essere padroni di cani, ad esempio, e ci si trova a scambiarsi un saluto e un consiglio con una famigliarità inaspettata e dovuta solo al fatto di appartenere alla stessa categoria.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 17 ottobre 2018