Depurare l’acqua con Energia solare

purificare l'acqua

Grazie alle energie rinnovabili è possibile portare elettricità nelle località più sperdute del Globo e oggi, sempre grazie alle fondi di energia pulita sarà possibile depurare l’acqua e renderla alla portata di tutti.

Per noi occidentali l’acqua è un bene scontato, disponibile, abbondante e alla portata di rubinetto. Quando non si ha accesso all’acqua potabile la prospettiva cambia del tutto: l’acqua diviene una questione di vita o di morte. Sono ancora milioni le persone che non hanno accesso ad acqua potabile. Creare delle infrastrutture atte a portare acqua potabile nei villaggi di località remote è una missione oltremodo ardua.

Le persone che vivono in condizioni di estrema povertà potranno contare su un nuovo sistema per depurare l’acqua sfruttando l’energia solare. Si tratta di un carro solare, si chiama Solar Wagon ViroBac ed è stato sviluppato dalla One World Water Solution ed è un dispositivo su ruote, è autoalimentato e depura l’acqua rendendola potabile.

Il sistema proposto dalla One World Water Solution è composto da un’unità mobile che integra un pannello solare, un accumulatore di energia e un sistema di filtrazione e depurazione. Tutto ciò è assemblato su una base munita di ruote così da poter essere facilmente trasportata.

Il sistema è capace di depurare fino a 4.320 litri d’acqua al giorno solo con energia solare e arrivare a 20.000 litri con l’ausilio di un generatore elettrico. Il meccanismo di filtrazione “ViroBac” è capace di potabilizzare l’acqua eliminando il 99,99 per cento dei batteri e il 99,7 per cento di virus.

Il Solar Wagon (o carro solare) può depurare acqua di qualsiasi provenienza, così pozzi, cisterne per l’acqua piovana, fiumi e laghi possono diventare delle fonti di acqua potabile. L’unico neo di questa innovazione è il prezzo: il carro solare non è affatto economico, costa all’incirca 12.000 dollari (circa 8.800 euro).

Ti potrebbe interessare anche l’articolo “Watly: acqua, energia e connettività ai Paesi in via di Sviluppo

Pubblicato da Anna De Simone il 20 ottobre 2013