Come misurare la glicemia

Come misurare la glicemia

Come misurare la glicemia: gli orari per misurare i livelli di glucosio nel sangue, tabella dei valori e istruzioni guidate per misurare la glicemia. Dall’apparecchio più pratico all’interpretazione dei valori.

L’apparecchio che serve a misurare la glicemia si chiama glucometro ed è uno strumento indispensabile per misurare i livelli di glucosio nel sangue.

Macchinetta del diabete: glucometro

Quella che in gergo viene chiamata macchinetta del diabete macchinetta per misurare la glicemia si chiama “glucometro” e in questa guida vi spiegheremo come si usa e come funziona.

Il glucometro si trova facilmente in farmacia ma chi preferisce, magari per speculare sul prezzo e risparmiare, può sfruttare la compravendita online.

Personalmente ho acquistato la macchinetta del diabete su Amazon, pagandola 19,99 euro con spese di spedizione gratuite. Il dispositivo che ho comprato è molto facile da usare e intuitivo. Insieme alla “macchinetta per il diabete” vi usciranno anche gli “aghi” (si chiamano lancette, sono sterili) per la puntura e le strisce reattive. In ogni caso, sempre su Amazon potete farne scorta.

In questa guida vi fornirò le istruzioni su come si usa la macchinetta per il diabete “Contour XT della Baeyer”, che è quella che uso io, ma si tratta di istruzioni universali perché il funzionamento della macchinetta della glicemia è comune a tutti gli apparecchi.

Per le info sulla macchinetta citata vi rimando alla pagina Amazon: Contour XT Bayer.

Come usare la macchinetta del diabete

Una volta acquistata, il suo impiego è semplice. Nel kit per misurare la glicemia avrete a disposizione:

  • glucometro, la macchinetta vera e propria
  • strisce reattive per la misurazione della glicemia
  • lancette colorate
  • dispositivo pungidito

Il dispositivo pungidito, in realtà, non è strettamente necessario. E’ dato in dotazione per rendere la puntura atta a prelevare la goccia di sangue più rapida e indolore. I più coraggiosi possono usare direttamente la lancetta colorata per pungere il polpastrello e prelevare un campione di sangue.

Il funzionamento è semplice:

  • Si attiva la macchinetta del diabete, si inserisce la striscia reattiva.
  • Si usa la lancetta sterile per pungersi, in modo diretto oppure inserendola nel pungidito che funzionerà a scatto e consentirà di prelevare la o le gocce di sangue in modo più indolore.
  • Si aggiunge la goccia di sangue sulla striscia reattiva.
  • Si attendono 5 secondi e, sul display, apparirà il risultato.

La striscia reattiva è data da una parte curva e una, semicircolare e dall’altra retta. Nella macchinetta dovrete inserire la parte retta, mentre nella zona curva è presente l’area di campionamento, cioè l’estremità dove dovrete inserire la goccia di sangue.

Come misurare la glicemia

Prima di misurare la glicemia lavate sempre le mani. In più, prestate attenzione al momento adatto per la misurazione.

Ricapitolando, per misurare la glicemia con la macchinetta del diabete dovrete:

  • Attivare la macchinetta e inserire la strisca così come mostrato nella foto in alto, quindi con la parte curva verso l’esterno.
  • Usare il pungidito o la lancetta sterile per prelevare una goccia di sangue dal polpastrello delle dita.
  • Porre la goccia di sangue sul lettore della lancetta.

Sul display apparirà il valore corrispondente alla lettura.

Glicemia, valore normale

Non possiamo parlare di un valore normale in modo universale. La glicemia (cioè il livello di glucosio nel sangue) varia in relazione alla fase della giornata. In genere si parla di glicemia pre o post-prandiale, cioè glicemia a digiuno e glicemia dopo un pasto.

Il valore normale della glicemia a digiuno, da misurare al mattino, è compreso tra 70 e 100 mg/dl.

Quotidianamente, i valori rilevati con l’apparecchio, andrebbero segnati su un diario da presentare, poi, al diabetologo o al medico di fiducia.

Quante volte al giorno misurare la glicemia

Anche in questo caso, non esiste un numero di volte al giorno in cui bisogna misurare la glicemia. La necessità varia da paziente in paziente e opportuno allinearsi con il proprio medico di fiducia.

In linea di massima, la glicemia va misurata al mattino a digiuno, poi prima dei pasti e anche circa 90 – 120 minuti dal momento in cui si è iniziato a mangiare. In questo modo avrete la possibilità di capire l’andamento glicemico a digiuno e dopo i pasti (glicemia post prandiale). Ripetiamo che si tratta solo di indicazioni generali, per esempio, un diabetologo potrebbe chiedere di misurare la glicemia anche dopo un’intensa attività fisica o in un periodo di particolare stress o in concomitanza all’assunzione di particolari farmaci con effetto ipo o iper -glicemizzante.

Può interessare: farine a basso indice glicemico

Pubblicato da Anna De Simone il 5 marzo 2018