Come curare un dolore alla spalla

spalle e schiena

Anche se diamo per scontato che funzioni sempre, la spalla è una delle articolazioni più mobili del nostro corpo e anche tra le più complesse. Se si va a guardare come è “costruita” si trovano una serie ossa, muscoli (deltoidi), tendini e legamenti che assieme lavorano per farci fare tantissimi movimenti quotidiani senza farcelo pesare. A volte però si inceppano o si infiammano ed è necessario in quei momenti per tornare alla normalità, sapere come curare un dolore alla spalla.

Nel mio caso anni fa (avevo circa 40 anni, oggi ne ho 52) ho avuto una periartrite che mi ha obbligato a interrompere per alcuni mesi la pratica dello squash, uno degli sport che ho praticato per anni anche a livello agonistico. In questo articolo vi spiegherà come ho curato il problema che non si è più presentato.

Infiammazioni come la periartrite possono presentarsi con maggiore probabilità dopo i 40 anni, in modo improvviso, e ancora oggi la medicina non ha determinato con certezza le cause di questo problema.



Cause del dolore alla spalla

Le cause del dolore alla spalla devono essere identificate con una visita dall’ortopedico e dal vostro medico di fiducia che potrà prescrivere tutti gli esami necessari per identificare la causa del vostro problema.

C’è comunque un motivo per cui le lesioni alla spalla sono più comuni di altre, è per via del fatto che la testa dell’omero è più grande del suo alloggiamento quindi muscoli, tendini e legamenti per mantenere la stabilità devono faticare.
Oltre ai traumi, una causa del dolore alla spalla può essere lo spessore dell’osso della scapola (l’acromion) perché quando è troppo spesso spinge tendini della cuffia ad infiammarsi per sfregamento. Poi c’è artrosi, legata all’usura della cartilagine dell’articolazione. Questo si verifica soprattutto nelle persone anziane, oppure in tutti coloro che fanno sport o lavori in cui sforzano particolarmente questa articolazione.

Esistono anche delle patologie che, tra i vari stimoli, hanno anche il dolore alla spalla. Quelle neurologiche oppure autoimmuni ma anche la colecistite e l’infarto miocardico. Per non preoccuparsi inutilmente consigliamo fortemente di rivolgervi al vostro medico per descrivergli la vostra patologia così che possa prescriversi i necessari esami per accertamenti.

Come curare un dolore alla spalla

Per capire come curare un dolore alla spalla, dobbiamo prima di tutto cercare di comprenderne meglio la tipologia e il posizionamento. Essendo la spalla un po’ complicata, ci può fare male in diverse parti, più verso il collo e la cervicale oppure più verso il braccio. Anche la sensazione di dolore stessa ha mille sfumature che dobbiamo saper descrivere la nostro medico. Può essere simile ad un formicolio o ad una puntura, oppure così forte da se bloccarci nei movimenti. A volte raggiunge anche il collo o si estende al torace.

Se dopo alcuni giorni, un paio, il dolore alla spalla non passa nonostante gli antinfiammatori o appena li smettiamo, è meglio recarci da un dottore che potrà approfondirne le origini e prescriverci una cura più specifica.

A volte è necessario effettuare esami come la risonanza magnetica che mostra la struttura articolare sia dei tessuti molli sia delle ossa dando la possibilità ai medici di individuare una eventuale usura dei tendini o della cartilagine, a volte da riparare con un intervento chirurgico.

La risonanza magnetica è del tutto indolore ed è un esame ideale per permettere ai medici di capire l’origine del nostro dolore.

E’ necessario anche capire fino a che punto il dolore alla spalla limita i movimenti. Altri esami possibili sono le radiografie, per eventuali fratture, e l’ecografia, per problemi alla cuffia dei rotatori. Più raro è l’artrogramma, per individuare le strutture lacerate.

Rimedi per il dolore alla spalla

Se la causa del dolore è un trauma, la spalla va riposizionata correttamente e questo può richiedere una immobilizzazione dell’articolazione che poi sarà seguita da una terapia fisioterapica. Tutti questi interventi devono ovviamente essere eseguiti da medici specialisti.

Nel breve periodo e per stati infiammatori meno gravi esistono però due modi per attenuare il dolore e sfiammare i tessuti: si tratta degli impacchi con borse per il ghiaccio o delle creme con ingredienti naturali come l’arnica, particolarmente apprezzata dagli sportivi.

Se si tratta di un dolore da infiammazione dovuto a un movimento sfortunato magari mentre vi allenate in palestra potrebbe essere utile applicare sulla zona dolente, appena possibile, una borsa del ghiaccio, come quella che potete acquistare preventivamente in questa pagina di Amazon e di cui vedete un’immagine qui di seguito.

Si tratta di una borsa che può anche essere riempita con acqua calda e quindi ideale per la terapia caldo – freddo.

borsa ghiaccio spalla

La borsa per il ghiaccio ideale per terapie caldo – freddo a una spalla

Naturalmente ci sono anche diversi farmaci che possono essere, i famosi FANS, antinfiammatori non steroidei, come l’ibuprofene, il ketoprofene.

Un ulteriore modo per disinfiammare la spalla è quello di ricorrere a infiltrazioni con sostanze corticosteroidi anche se devo essere eseguite solo sotto stretto controllo medico in quanto se non sono eseguite correttamente possono creare danni ai tendini, andando a peggiorare la situazione invece che migliorarla.

Le infiltrazioni di acido ialuronico possono essere un altro rimedio prescritto dal medico per alcune forme infiammatorie.

Nei casi più gravi e in caso di traumi più seri può essere opportuno procedere con un intervento chirurgico, talvolta in artroscopia.

Esercizi per rinforzare o riabilitare la spalla

Per rinforzare i muscoli deltoidi della spalla e rendere meno probabili gli infortuni, soprattutto con il passare degli anni, esistono appositi esercizi che è possibile praticare a casa o in palestra.

Tra gli esercizi più semplici che consiglio a tutti le alzate laterali e le spinte verso l’alto con i manubri.

Le alzate laterali sono un esercizio semplice e adatto a tutti da eseguire con un peso proporzionato alla propria forza. I principianti lo possono eseguire anche utilizzando semplici bottiglie d’acqua per poi passare a manubri da acquistare in centri come Decathlon oppure online con pesi crescenti.

Nel video che segue potete capire come eseguire l’esercizio in modo corretto.

Qui di seguito un set di manubri per le alzate laterali adatto ai principianti che è possibile acquistare in questa pagina di Amazon.

manubri alzate laterali

In quest’altra pagina trovate invece manubri professionali con un peso da 1 a 50 kg. Sono prodotti dalla Toorx, una delle mie aziende preferite per l’acquisto di materiale tecnico di qualità per eseguire esercizi fisici.

manubri spalle

I manubri, sopra indicati sono perfetti anche per le spinte verso l’altro che suggerisco di eseguire da posizione seduta.

Qui di seguito un video che mostra come effettuare in modo corretto questo esercizio:

Le alzate laterali sono uno degli esercizi da eseguire nel processo di riabilitazione da intraprendere con un fisioterapista dopo che si è superata la fase acuta di patologie come la periartrite.

Anticipo che i pesi da utilizzare dovranno essere MOLTO contenuti perché la spalla interessata fino a poco prima (durante la fase acuta) non riusciva neanche ad alzarsi: per darvi un’idea nel mio caso, prima dell’insorgere della periartrite utilizzavo per le alzate laterali pesi da 8 kg. Nel processo di riabilitazione ho invece iniziato a utilizzare i 2 kg per poi salire a 4 kg, 6 kg e infine raggiungere il peso abituale.

Come dormire se la spalla fa male

Chi nella vita ha avuto almeno una volta un dolore forte alla spalla sa bene che dormire è una vera tortura. E’ necessario, se il dolore permane, è necessario cercare di individuare qualche trucco per cercare di assicurarci un po’ di riposo, nonostante il dolore.

Possiamo ad esempio provare a mettere un cuscino tra le gambe, quando si è coricati da un lato, oppure dietro le cosce, quando si è sdraiati sulla schiena. Sembra assurdo ma non lo è. Questo gesto serve per diminuire la pressione sulla colonna vertebrale. Importante, a letto ma anche durante la giornata, respirare in modo profondo e delicato, soprattutto per rilassare la muscolatura.

Non illudiamoci che il dolore passi presto, spesso ci vogliono un po’ di settimane proprio per la complessità della struttura che sta dietro a questa parte del corpo, con cartilagini, legamenti, muscoli, nervi, o tendini.

Pubblicato da Matteo Di Felice, Imprenditore e Managing Director di IdeeGreen.it, Istruttore di corsa RunTrainer certificato RunAcademy FIDAL, Istruttore Divulgativo certificato della Federazione Scacchi Italiana e appassionato di Sostenibilità, il 8 Novembre 2021