Una scuola solare per il Sud Africa

Dalla foto sembra un container ma per il Sud Africa è una scuola a tutti gli effetti. La Samsung ha allestito delle scuole a energia solare che possano soddisfare le necessità degli studenti sudafricani. Le scuole sono composte da container modificati ad hoc, essi presentano posti a sedere, banchi per studenti, computer portatili, tablet galaxi e connessione a internet, un vero lusso se si considera che in alcune località remote non arriva la rete elettrica!

A provvedere al fabbisogno energetico di computer, tablet e lampade, ci pensano i pannelli fotovoltaici che Samsung ha fatto montare con particolari accorgimenti: le celle solari sono state implementate con un sistema a prova di furto. I pannelli solari sono la fonte ideale per provvedere all’elettricità degli edifici scolastici. Le scuole elementari sono aperte solo di giorno, pertanto non serve elettricità nelle ore di buio. La scuola è illuminata anche di notte grazie a delle piccole batterie supplementari.

GUARDA LE FOTO DELLA SCUOLA CONTAINER SAMSUNG

Il container allestito dalla Samsung misura 12 metri di lunghezza e dispone di 21 posti a sedere. La scuola è stata allestita in una zona del Sud Africa che dispone di rete elettrica, infatti quando le condizioni atmosferiche non sono ottimali, l’alimentazione si connette automaticamente alla rete mentre i pannelli solari provvedono a rifornire delle batterie a gel di piombo.

In Sud Africa, i pannelli solari sono spesso scelti per la loro facilità di impiego: nelle zone rurali vi è un accesso limitato alla rete elettrica, talvolta questa è del tutto assente. Da un punto di vista economico, risulta più conveniente acquistare e installare impianti fotovoltaici piuttosto che richiedere il collegamento alla rete elettrica della città più vicina.

GUARDA LE FOTO DELLA SCUOLA CONTAINER SAMSUNG

La Samsung ha installato il suo container a Phomolong, una zona rurale nei pressi di Johannesburg, Sud Africa. Per la sua praticità, la scuola container Samsung, può essere allestita e portare istruzione in numerose località remote.

Pubblicato da Anna De Simone il 4 novembre 2012