Come scegliere il climatizzatore

climatizzatore

Le  alte temperature, l’umidità particolarmente elevata, l’assenza di ventilazione ci costringono a non poter fare a meno di un climatizzatore soprattutto se si tratta di salvaguardare la salute di anziani, bambini e soggetti con patologie. Acquistare un climatizzatore non significa sceglierne uno a caso o peggio quello che costa meno! Vi sono fattori fondamentali da valutare al momento della scelta come per esempio la qualità, l’efficienza energetica e le caratteristiche. A tal proposito siamo lieti di offrirvi alcuni indicazioni su come scegliere un climatizzatore nell’ottica del rispetto per l’ambiente. Utilissima per esempio la funzione di deumidificazione separata per usarla anche senza avviare in raffrescamento.

Come scegliere il climatizzatore, tecnologia inverter
Oltre ai classici climatizzatori con tecnologia ON-OFF ultimamente vi sono sul mercato impianti con una tecnologia chiamata  INVERTER.  Si tratta di tecnologia che permette al climatizzatore di rimanere sempre in funzione (al minimo) anche dopo aver raggiunto la temperatura impostata. comportano un risparmio di energia notevole, fino al 70% ma solo se tenuti accesi oltre le 5/6 ore al giorno. inoltre sono molto silenziosi.

Come scegliere il climatizzatore, impiego gas
Anche i gas impiegati all’ interno dei climatizzatori sono stati svariati.
GAS R 22: Da sempre impiegato nei climatizzatori è risultato nocivo per l’ambiente, pertanto ora la vendita è vietata. Chi possiede tali condizionatori dovranno tenere presente che in caso di guasto o perdita di gas dovranno usare altri gas ricondizionati.
GASR410 è il gas più impiegato per i climatizzatori, si tratta di un gas pulito, ecologico sicuro.

Come scegliere il climatizzatore, classe energetica
La scelta deve ricadere solo su apparecchi di classe A (oppure A+ e oltre) con garanzia Europea e con un servizio di assistenza su tutto il territorio nazionale assicurandosi prima che vi sia nella propria zona un tecnico con numero di telefono. Inoltre deve essere dotato di potenti batterie di filtri se si abita in città e zone inquinate.

Raccomandazioni utili: non dimenticate però il rispetto dell’ambiente! Limitatene l’uso oppure fatene un uso intelligente onde evitare di sprecare energia inutile. Solo in funzione deumidificazione, già la casa diventa vivibile senza dover sprecare energia per raffreddare: abbassando il livello di umidità, l’ambiente diventa più fresco. Anzi si sta meglio dato che non si creano grossi sbalzi tra la temperatura esterna e quella interna.

Pubblicato da Anna De Simone il 17 agosto 2013