Inquinamento da pale eoliche

Quando si parla di energia eolica l’inquinamento che si può menzionare non è solo quello acustico, c’è anchè l’impatto ambientale causato dalle turbine giunte al termine del ciclo di vita. Le turbine eoliche sono ingombranti, le pale hanno delle dimensioni che vanno dai 45 ai 90 metri di lunghezza. Sono composte da materiali tossici e a oggi, il metodo di smaltimento più comune è quello in discarica.

Le pale eoliche dismesse sono depositate in discarica e, se non si vuole tenere conto dell’inquinamento causato dai materiali costituenti, bisogna considerare che ogni paese ha una quantità di rifiuti limite che può immettere nel terreno.  Per ridurre l’inquinamento da pale eoliche sempre più aziende lavorano per allungare il ciclo di vita di ogni turbina o sviluppare sistemi di smaltimento più efficaci.

Pale Eoliche – Inquinamento acustico
Le turbine eoliche di ultima generazione sono molte silenziose. Per le installazioni con le turbine eoliche classiche, è stato stimato che, a una distanza superiore ai 200 metri, il rumore della rotazione dovuto alle pale del rotore si confonde completamente col rumore del vento che attraversa la vegetazione circostante. In queste circostanze non si può parlare di inquinamento acustico reale ma “potenziale”, esso è legato a due tipi di rumori, quello meccanico proveniente dal generatore e quello aerodinamico proveniente dalle pale del rotore.

Pale Eoliche – Inquinamento
Anche la filiera produttiva delle pale eoliche ha un costo ambientale. Per la produzione delle turbine eoliche sono impiegati numerosi materiali plastici, infatti, ogni pala eolica contiene grandi quantità di fibre di vetro e resine epossidiche -derivate dal petrolio-.

Se l’impatto ambientale causato dalle pale eoliche è così elevato, vale la pena continuare a produrle?
Sì, sia da un punto di vista ambientale, sia da un punto di vista economico.
Se i motivi economici possono essere ovvi, quelli ambientali possono essere meno lampanti: si è calcolato che in pochi mesi di vita, le pale eoliche riescono a compensare l’inquinamento prodotto.

L’energia prodotta da una turbina eolica durante il corso della sua vita media (circa 20 anni per gli impianti on-shore e più di 25 anni per quelli off-shore), è circa 80 volte superiore a quella necessaria alla sua costruzione, manutenzione, esercizio, smantellamento e rottamazione. Si è calcolato che sono sufficienti ad una turbina due o tre mesi per recuperare tutta l’energia spesa per costruirla e mantenerla in esercizio.

Pale Eoliche – Prospettive per il futuro
Un team di ricercatori dell’University of Massachusetts Lowel, in partnership con la Qichita State University, ha messo a punto un nuovo sistema capace di rendere le pale eoliche ancora più ecofriendly, per la precisione, biodegradabili. Apprfondisci l’argomento a questo articolo.

Pubblicato da Anna De Simone il 25 febbraio 2013