Sorge l’impianto geotermico solare più grande al mondo

Con i suoi 26 MW di capacità fotovoltaica, a cui è integrata la capacità di 33 MW geotermici, L’impianto per l’energia alternativa di Stillwater in Nevada è la prima centrale ibrida solare-geotermica al mondo. Grazie agli 89.000 pannelli installati di recente dalla compagnia Enel Green Power, con una  capacità complessiva di 59 MW di energia pulita, l’impianto è in grado di alimentare più di 50.000 case.



Perché la scelta di abbinare di fonti rinnovabili?
Solare e geotermica sono entrambi grandi fonti di energia pulita, tuttavia l’energia solare non ha un ciclo continuo, ha bisogno di un backup per quando il sole non splende. In questa prospettiva entra in gioco la geotermica. Una valida alternativa pulita capace di appianare le lacune nel settore dell’energia solare.

Ma non solo, durante il giorno quando la domanda è maggiore, si ha il vantaggio di ricevere energia da entrambe le fonti. Con i 40 milioni di dollari, l’impianto di Stillwater è tra i siti geotermici in Nevada ad aver beneficiato degli investimenti da parte del DOE per accelerare lo sviluppo della  geotermia.

Il segretario del DOE Steven Chu dice: “Come primo del suo genere al mondo, questo progetto dimostra come siamo in grado di sfruttare fonti energetiche rinnovabili per fornire energia pulita per le famiglie americane e le imprese e distribuire ogni fonte disponibile di energia americana“.

L’impianto solare produrrà energia pulita pari a 43 milioni di chilowattora l’anno, garantendo energia pulita a 16.000 famiglie americane: si eviteranno, secondo le stime,  30.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica in atmosfera all’anno.

La combinazione delle due tecnologie di generazione da fonti rinnovabili nel medesimo sito procurerà  la produzione di energia a zero emissioni di circa 200 milioni di chilowattora all’anno, con 140.000 tonnellate di CO2 evitate ogni anno. Inoltre consentirà l’approviggionamento delle stesse infrastrutture, come per esempio, le linee elettriche di interconnessione, riducendo così ulteriormente l’impatto ambientale. Grazie a questo impianto, la capacità complessiva di energia pulita installata in Nord America supera i 1.000 MW.

Pubblicato da Anna De Simone il 5 settembre 2012