Efficienza energetica: l’Italia è sulla strada giusta

efficienza-energetica-ideegreen

Efficienza energetica? L’Italia sembra sulla strada giusta se è vero, come è vero, che a fine 2012 il nostro Paese ha raggiunto il 65% dell’obiettivo di risparmio energetico previsto al 2016. Secondo Rino Romani, Responsabile dell’UTEE-Unità Tecnica dell’Efficienza Energetica di ENEA, gli incentivi governativi per l’efficienza energetica hanno permesso di risparmiare a fine 2012 ben 80.000 GWh di consumi annui.

Il dato confortante è emerso durante il convegno ‘Efficienza energetica: lo strumento ideale per raggiungere gli obiettivi 20-20-20’ organizzato da ENEA nell’ambito di Smart Energy Expo 2013 a Verona. In rappresentanza dell’Agenzia era presente Rino Romani, Responsabile dell’UTEE-Unità Tecnica dell’Efficienza Energetica.

L’efficienza energetica è legata a miglioramenti tecnologici, ma anche a comportamenti consapevoli e responsabili verso gli usi energetici. I vantaggi economici per gli utenti, una volta realizzati gli interventi di miglioramento legati all’efficienza energetica, sono immediatamente visibili dai risparmi in bolletta e per alcuni interventi, grazie anche a misure di incentivazione nazionali e locali, il recupero dell’investimento avviene nel breve-medio termine. Gli obiettivi dell’efficienza energetica si estendono dal settore industriale a quello commerciale, dei trasporti e domestico.

Fare efficienza energetica non conviene solo dal punto di vista ambientale, ma anche in termini economici.  Un esempio sono gli interventi che riguardano gli edifici a cui è dedicata la Direttiva UE 31/2010: secondo RSE – Ricerca Sistema Energetico, presente a Smart Energy Expo 2013, nel caso degli edifici spingersi oltre i requisiti minimi conviene perché il costo globale dell’edificio si ammortizza in meno di trent’anni.

La Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia persegue l’obiettivo della riduzione dei consumi energetici e l’incremento dell’uso di energia da fonti rinnovabili, allineandosi alla necessità di diminuire la dipendenza energetica dell’Unione Europea e l’emissione dei gas serra.

Pubblicato da Michele Ciceri il 11 ottobre 2013