Windows 8, lunga vita alla batteria

La Microsoft ha lanciato il suo ultimo sistema operativo, Windows 8. Una delle sue caratteristiche riguarda il “Power Management“, la gestione dell’energia è migliorata. Perseguendo l’obiettivo del risparmio energetico, Windows 8 riesce a migliorare la durata media della batteria di un computer portatile.

Le caratteristiche della gestione energetica possono essere racchiuse in due punti principali:
-Power Management Framework (PoFx), grazie al quale si puà gestire l’alimentazione ripartita tra i componenti (i sotto-dispositivi di un livello). In altre parole, un driver riesce a gestire autonomamente il consumo di energia dei singoli componenti del dispositivo.
-Gestione dell’energia su piattaforme hardware differenti.

Per comprendere a pieno l’importanza di questo sistema gestionale, Windows ha pubblicato un video che si apre con una panoramica generale tra il consumo energetico del computer in standby e quando è attivo. Si vedrà che la differenza è stata sensibilmente ridotta rispetto ai Sistemi Operativi precedenti.

Già con Windows 7, la Microsoft ha messo a punto varie strategie per allungare la durata della batteria. Con Windows 8 è stato diminuito il fabbisogno energetico dei programmi che sono in esecuzione in background. In più vi sono più funzioni per la gestione con il Power Management Framework e tutti gli accordimenti classici come la regolazione automatica della luminosità del display, un indicatore dello status della batteria più accurato e un sistema più efficiente per la riproduzione di DVD. Non bisogna sottovalutare la gestione ottimale della luminosità dello schermo: l’illuminazione del monitor può richiedere fino al 40% del consumo energetico complessivo del sistema.

In una vecchia analisi, la Microsoft ha stimato che oltre il 70% dei PC aziendali, resta acceso anche durante le ore notturne. E’ anche per questo che bisogna massimizzare l’efficienza energetica dei PC, così da ridurre le spese elettriche aziendali e con esse le emissioni nocive.

Pubblicato da Anna De Simone