Allevamento di ovaiole

Quello delle galline ovaiole è un allevamento abbastanza facile da allestire. Gli agriturismi e le piccole aziende agricole che effettuano vendita diretta, potrebbero trarne anche un certo profitto mediante la commercializzazione delle uova. Per organizzare un allevamento di galline ovaiole bisognerà disporre di un ricovero e di un’area per il pascolo.

Per un allevamento di 15-20 galline ovaiole è consigliabile un ricovero di 4×4 metri e un’area destinata al pascolo con una recinzione che delinea 500 metri quadrati. 500 metri quadrati possono sembrare troppi per un allevamento ma è necessario garantire agli animali il giusto benessere, in più, all’interno di questa superficie si potrebbero inserire piante da frutto che non richiedono trattamenti antiparassitari. Se alle ovaiole sarà assicurato il giusto benessere, ogni capo potrà garantire la produzione di 120-180 uova all’anno.

Se un’azienda agricola o un agriturismo può allestire un allevamento di 15-20 ovaiole (più uno o due galli), secondo quanto disposto dalle ASL, un cittadino può allevare fino a un massimo di 10 galline per l’autoproduzione di uova.

Per l’acquisto degli animali, meglio comprare ovaiole di 18-20 settimane di vita, scegliete le razze locali così da garantire il massimo di rusticità per ciò che riguarda l’adattamento della specie all’ambiente. L’allevamento viene condotto in ricovero chiuso per i primi 40-60 giorni e in seguito le ovaiole potranno sfruttare liberamente l’area del pascolo: è fortemente consigliata la presenza di piante ombreggianti a nella zona di pascolo delle galline ovaiole. Per abituare le galline ovaiole al pascolo, seguite le indicazioni che vi abbiamo fornito in questo articolo.

Per un allevamento di 10 galline, basterà un box 2×2 metri e un’area per il pascolo più limitata. L’allevamento dovrà essere organizzato con una lettiera facile da pulire, dei posatoi per garantire il riposo delle galline, una mangiatoia lineare e un abbeveratoio. Se vi state appena approcciando al mondo degli allevamenti, alla fine della nostra guida intitola “Come allevare galline ovaiole“, troverete tutte le indicazioni utili, passo dopo passo.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 aprile 2013