Come rendere la casa a basso impatto

Possiamo migliorare di gran lunga la nostra casa e possiamo farlo senza dover accendere un mutuo. Anche se il nostro Paese è in piena recessione economica, non credo che gli italiani siano pronti ad abbandonare le loro abitudini riguardo le uscite o la spesa al centro commerciale. In fondo chi non ama fare shopping? Possiamo provare a spendere i nostri soldi per riqualificare e ristrutturare la casa in cui viviamo così da renderla a basso impatto ambientale.

Il consumatore tipico vive in costante competizione, si tiene a passo con il mercato e con le mode: se gli amici di Carlo hanno tutti un iPhone, Carlo presto darà via il suo vecchio cellulare slide per passare a un modello touch. Se questo meccanismo d’acquisto si spostasse sul rinnovo dell’abitazione, ben presto i centri urbani italiani diverrebbero delle vere green community.

Se il vicino di casa di Carlo sostituisce tutte le lampade da giardino con dei LED a basso consumo energetico, Carlo allora lo farà a sua volta e in più sostituirà le finestre con del vetro isolante e il vicino a quel punto, per tenersi al passo, non potrà fare altro che installare dei pannelli solari! Proviamo a capire di concreto cosa possiamo fare per riqualificare la nostra casa, ricordando che ogni miglioramento a livello ambientale, rivaluterà la vostra abitazione aumentandone il valore economico proprio per quanto previsto dalle certificazioni energetiche degli edifici.

  • Sostituite tutte le lampadine a incandescenza con sistemi d’illuminazione a LED, comprese le lampade da giardino o del vialetto di casa.
  • Sostituite le finestre di casa vostra con finestre in vinile con doppi vetri isolanti. Questo sistema taglierà il 20% del consumo energetico domestico.
  • Installate pannelli isoltanti in soffitta
  • Eliminate le stufe elettriche a favore di un sistema di riscaldamente a basso consumo
  • Arredate il bagno in modo intelligente, sostituite la vostra vasca da bagno con una doccia basso consumo idrico
  • Irrigate il prato con acqua piovana che avrete raccolto con una cisterna impiantata nel sottosuolo del giardino o in semplici barili
  • Installate pannelli solari sul tetto della vostra abitazione, a tale scopo potete fare anche richiesta di incentivi per il fotovoltaico
  • Eliminate tutti i rivestimenti in eternit, ricordate, le polveri di amianto nuociono gravemente alla salute dell’uomo e a quella dell’ambiente, vedi Come smaltire l’Eternit. Inoltre se decidete di rimuovere l’amianto dalle soffitte di casa vostra e di installare pannelli solari, la legge prevede degli appositi bonus eternit
  • Illuminate il vostro giardino con impianto a LED che sfruttano energia solare. A questo link una soluzione a basso costo (circa 30 euro)

a cura di Anna De Simone

Pubblicato da Anna De Simone il 13 febbraio 2012