Coltivare la cicoria catalogna

Voglia di coltivare verdure nel proprio giardino? L’estate giunge a termine e questo è il periodo ideale per piantare la cicoria catalogna e raccoglierla entro le prime gelate invernali. Insieme alle bietole e agli spinaci le cicorie sono tra gli ortaggi da foglia più facili da coltivare. Con la semina, la coltivazione di questo ortaggio inizia con i primi mesi estivi ma se si dispone di terreno fertile si può passare direttamente alla messa a dimora di piantine provviste di pane di terra. La cicoria catalogna cresce bene con il fresco, dunque questo periodo è l’ideale.

Come coltivare la cicoria
Recatevi da un qualsiasi garden center o vivaista orticolo e acquistate delle piantine di cicoria catalogna provviste di pane di terra.

Scegliete la varietàc he più preferite, la più diffusa è la cicoria catalogna a foglia larga mentre se puntate alle quantità abbondanti l’ideale è la cicoria clio. Per le foglie lunghe vi è la cicoria catalogna a foglia frastagliata mentre se abitate al Sud Italia e avete voglia delle cosiddette Puntarelle, scegliete la cicoria Puntarella di Galatina.

Se nel vostro orticello avete coltivato pomodoro o zucchino, siamo ormai a settembre, sdradicate tutto, vangate il terreno sino a una profondità di 25-30 cm, rastrellate e mettete a dimora le vostre piantine. Se il vostro terreno non è abbastanza fertile, potete arricchirlo, al momento della vangatura, con 30 grammi di perfosfato minerale-19 e 35 grammi di solfato di potassio-50 per ogni metro quadro della superficie destinata alla coltivazione della cicoria.

Al momento della messa a dimora delle piantine, arricchite il terreno con del solfato ammonico-20 con un dosaggio di 35-40 grammi per ogni metro quadrato.

Come si procede con la messa a dimora della cicoria?
Nel terreno, formate una buca poco più grande del pane di terra ancorato alla radice della piantina che avete acquistato. Sistemate la piantina all’interno della buca e riempitelo con la stessa terra di scavo. Le piante devono essere disposte a una distanza di 40 cm tra una fila all’altra e di 20 cm tra una pianta all’altra.

La coltura può essere irrigata regolarmente seguendo il sistema per scorrimento inflitrazione laterale dentro appositi solchi -ecco perché è necessario lasciare una distanza di almeno 40 cm tra una fila e l’altra, così da creare i solchi in cui scorrerà l’acqua per l’irrigazione-. Il sistema di irrigazione a goccia è quello più consigliato per un opportuno risparmio idrico.

Tenete costantemente pulite le vostre aiole ed eliminate le piante infestanti. Se il freddo arriva in anticipo, per proteggere la coltivazione potete coprire le piante con del tessuto non tessuto. Tale materiale può giacere sulle piante per un massimo di 15 giorni. In ogni caso, il periodo del raccolto è vicino e la cicoria catalogna potrà essere consumata fresca fino a ottobre inoltrato. Il raccolto può avvenire quando le foglie saranno totalmente sviluppate e si può operare tagliando le foglie alla base con un coltello o una foglie. Attenzione a non ledere la base della pianta che dovrà restare nel terreno così da avere la possibilità di rivegetare e regalarvi un nuovo raccolto.

Pubblicato da Anna De Simone