Come allevare galline ovaiole a terra

L’ovodeposizione è in aumento nel periodo primaverile. E’ qui che bisogna prestare particolari cure alle galline anche perché, in questo periodo, tutti gli animali sono in riproduzione. Chi ha a disposizione una campagna, non deve lasciarsi sfuggire la possibilità di allevare galline ovaiole, in ricoveri o a terra. Vediamo alcuni suggerimenti.

Come allevare galline ovaiole, le temperature
Con il caldo estivo le galline aumentano la frequenza respiratoria così da regolare la temperatura corporea. In questo periodo le galline saranno meno produttive e deporanno meno uova. Per tale motivo è consigliato tenerle in una zona al fresco. Negli ambienti chiusi è sufficiente limitare l’insolazione del ricovero, per esempio si potrebbero utilizzare materiali isolanti per il tetto e le pareti.

Il materiale da utilizzare più economico è il polistirolo, fate attenzione che le lastre di polistirolo siano a prova di beccata, per questo potete aiutarvi con delle tavole di legno che copriranno il polistirolo ad altezza gallina. Se il tetto della vostra struttura è poco coibernato è possibile realizzare un sottotetto in paglia così da mitigare l’eccessivo calore. Non spaventatevi, realizzare un sottotetto è molto semplice, vi basterà acquistare una rete a maglie strette che attaccherete al soffito, sulla rete dovete distribuirvi 15-20 cm di paglia.

Come allevare galline ovaiole a terra
Un’altra strategia valida per tenere le galline ovaiole al fresco è quella di aumentare la superficie all’ombra. Per farlo potete utilizzare delle tende, delle piante rampicanti come zucche ornamentali, viti, passiflore o un profumatissimo glicine; per far crescere le piante in modo opportuno posizionate dei supporti. E’ fortemente consigliata la presenza di piante ombreggianti a foglie caduche nella zona di pascolo delle galline ovaiole.

Nei mesi invernali è necessario allestire una zona di ricovero dove tenere le galline al riparo dal freddo. Nei mesi primaverili è importante abituare gradualmente le galline alla temperatura esterna. Per fare ciò bisogna lasciare uscire le galline solo poche ore nel periodo più caldo della giornata per poi aumentare il tempo di permanenza all’esterno e liberarle totalmente nel giro di una settimana.

Come allevare galline ovaiole, le più produttive
Nei mesi caldi si può fare una cernita di quelle che saranno le galline ovaiole più produttive: le galline ovaiole che nei mesi estivi avranno calato la produzione e iniziato la muta (per intenderci, quelle che saranno spennate sotto al collo!), saranno quelle da non tenere per il prossimo anno perché non deporranno molte uova.

In generale, le galline ovaiole che presentano la cresta e i bargigli più rossi e le zampe più gialle, sono di certo quelle che produranno meno uova. Al contrario, le galline ovaiole più produttive presenteranno cresta, bargigli e zampe più sbiadite.

Pubblicato da Anna De Simone